Con il cuore in gola il Tuttocuoio espugna Correggio guadagnandosi l’agognata e meritata salvezza, superando – in rimonta – la Correggese condannandola alla retrocessione diretta. Una partita che riassume in maniera perfetta una stagione che definire complicata è un semplice eufemismo: la truppa di Mezzanotti dopo aver superato brillantemente una serie infinita di traversie non era riuscita a chiudere a proprio favore il discorso salvezza, rimandando alla gara di oggi con l’obbligo di vincere per evitare le “forche caudine” dei playout contro una squadra come quella reggiana obbligata a vincere per evitare la retrocessione diretta.

INIZIO BALBETTANTE. Partono forte i padroni di casa sospinti dal proprio pubblico e i neroverdi soffrono facendosi schiacciare nella propria metà campo. Al 5′ subito Fiaschi obbligato a smanacciare su un angolo da sinistra di Rizzitelli, al 10′ clamorosa occasione gettata alle ortiche dai biancorossi di casa: cross da destra di Rizzitelli sul quale Fiaschi respinge corti, Davoli a porta sguarnita mette incredibilmente a lato. Il gol è nell’aria e giunge puntuale a stretto giro di posta al 15′ su angolo da destra di Sereni con palla che spiove sul secondo palo dove Vecchi vince il duello aereo con Ferri e batte Fiaschi.

REAZIONE NEROVERDE I pontaegolesi  seppur a fatica provano a reagire e si affacciano in avanti pericolosamente al 22′ con la punizione di Mancosu scodellata in area sulla quale interviene di testa Gregorio con palla che colpisce la traversa. Il Tuttocuoio prende coraggio e sfiora nuovamente il pareggio a seguito di una azione tambureggiante in area avversaria, ci prova Bongiorno con palla che si stampa sul palo alla sinistra di Sarri vanamente proteso in tuffo. Prova la Correggese a riaffacciarsi in avanti al 35′ con Mammetti, la sua deviazione di sinistro su cross di Puca viene addomesticata da Fiaschi. Prima del riposo arriva comunque il meritato pareggio del Tuttocuoio con Forgione abile con il destro a risolvere una mischia in area avversaria facendo esplodere la panchina.

LA STOCCATA DI CHITI L’inizio di ripresa vede i padroni di casa gettarsi all’assalto e sfiorano il nuovo vantaggio con Sereni, il suo colpo di testa trova la deviazione di Anichini nei pressi dell’area. La gara  nei secondi 45′ si mantiene vibrante con la tensione che attanaglia entrambe le squadre alla ricerca del successo per evitare rispettivamente retrocessione diretta o playout. La truppa di Mezzanotti ha spazi a disposizione per incidere, Forgione si procura e batte una punizione al 65′ disinnescata da Sarri. Poco dopo Masini entra in area e da posizione defilata prova un tiro che non trova di un soffio la deviazione di Chiti. Passano i minuti e il risultato non cambia, fino al 86′ quando Masini entra in area e pesca a centro area solo soletto il numero 7 neroverde, che controlla in area e batte di piatto Sarri in uscita. Il finale è palpitante, i nervi sono a fior di pelle ne fanno le spese Rizzitelli dalla panchina e la stessa presidentessa neroverde Paola Coia. Tuttavia la Mezzanotti-Band stringe i denti e porta a casa una sudata ma meritata salvezza.

CORREGGESE-TUTTOCUOIO 1-2

Correggese (4-2-3-1): Sarri; Cotroneo, Esposito, Vecchi, Puca; Tacconi, Tagliavacche (73′ Lari); Rizzitelli (86′ Miftah), Davoli (83′ Del Colle), Sereni; Mammetti (46′ Di Giovanni).  A disp. Panciroli, Guerri, Landi, Laplace, Calcagno. All. Masitto.

Tuttocuoio (4-3-3): Fiaschi; Ferri, Anichini, Gregorio, Ciabatti; Cortopassi, Gialdini, Forgione; Bongiorno (56′ Chiti) Masini (77′ Blanco) Mancosu (87′ Paccagnini). A disp. Mascagni, Fino, Veraldi, Zini. All. Mezzanotti.

ARBITRO: Monaldi di Macerata. Coadiuvato da Lamannis di Udine e Masini di Gorizia.

RETI: 15′ Vecchi, 42′ Forgione, 86′ Chiti

NOTE: Espulso Rizzitelli Correggese. Allontanato il tecnico del Tuttocuoio Mezzanotti e la presidentessa Coia. Ammoniti: Esposito, Vecchi, Chiti, Esposito e Anichini. Angoli 10-2.