Il prossimo tassello che andrà a comporre il puzzle nerazzurro della stagione 2018-2019 sarà l’allenatore.

Roberto Gemmi si è potuto confrontare approfonditamente con Mario Petrone nei giorni scorsi, sondando la disponibilità del tecnico campano a confermare il suo impegno con il Pisa sulla base delle linee guida dettate dalla società. L’ex guida tecnica dell’Ascoli non ha posto alcun ‘aut aut’ a Gemmi, ma l’impressione è che la precedenza di quest’ultimo vada ad un altro profilo, che però per il momento resta ancora oscuro e top secret. Intorno al Pisa gravitano e circolano molte voci e altrettanti abboccamenti tentati dai procuratori degli allenatori in cerca di un’occupazione per il prossimo campionato. La sensazione è che i nomi di Caserta e Gallo corrispondano a due identikit graditi e sondati dal direttore sportivo, alla pari del pisanissimo Giancarlo Favarin. Con tutta probabilità il Pisa potrà salutare il suo nuovo allenatore fra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, e da lì in poi potranno avviarsi i colloqui e le valutazioni definitive sui giocatori attualmente in rosa, sotto contratto ed in scadenza.

Proprio in quest’ottica il primo che si siederà al tavolo di fronte a Roberto Gemmi sarà Andrea Lisuzzo. Il ‘Sindaco’ ha un contratto che scadrà il prossimo 30 giugno, ed ha già espresso il desiderio di disputare l’ultimo anno da calciatore professionista per poi smettere gli scarpini ed indossare giacca e cravatta e svolgere un ruolo dirigenziale. Magari proprio a Pisa. Poi verrà la volta di Mannini, e via via tutti i grossi calibri della rosa. La Lega Nazionale Professionisti deve ancora comunicare le nuove indicazioni sulla composizione degli organici nel prossimo campionato, con particolare attenzione all’indicazione dei giocatori Over ed Under. Si sta viaggiando verso una soluzione che prevede un limite massimo di 16 Over accompagnati da un numero illimitato di Under nati dal 1 gennaio 1998 in poi. I calciatori nati fra il 1 gennaio 1996 ed il 31 dicembre 1997 saranno invece in una sorta di ‘limbo’: né Under né Over, ma elementi a parte che non potranno essere più di sei. E dovrebbe essere confermata anche la regola dei due giocatori ‘bandiera’, cioè calciatori che hanno disputato almeno 4 stagioni nel club durante la loro carriera. Alla luce di queste anticipazioni, se confermate, si può ipotizzare che il prossimo Pisa avrà un’età media leggermente inferiore rispetto a quella mostrata sulla carta d’identità dell’annata 2018-2019.

In questa nube di incertezze e annunci attesi c’è almeno una certezza. Anzi un paio: la stagione nerazzurra partirà il 13 luglio con la partenza alla volta del ritiro di Storo; il 29 luglio l’Arena Garibaldi ospiterà la prima partita ufficiale della prossima annata. Per il terzo anno consecutivo quindi il Pisa verrà ospitato dalle strutture trentine, dove rimarrà fino all’immediata vigilia dell’esordio in Coppa Italia. Il sorteggio del Primo Turno Preliminare verrà effettuato domenica 29 luglio (sorteggio intorno alla metà dello stesso mese, a organici definti della Serie A alla Serie D). La partita verrà disputata sicuramente in casa, e se i nerazzurri passeranno il turno torneranno in campo la domenica successiva, il 5 agosto. Il Terzo Turno verrà disputato il 12 agosto, e poi si apriranno le danze del campionato.