Parte domani luglio la raccolta di firme per reintrodurre l’educazione civica come materia di studio nelle scuole italiane. Una iniziativa nata da Firenze, che Anci ha fatto propria e che vede centinaia di città in tutta Italia impegnate nella raccolta di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare: dovranno essere 50mila in sei mesi.

Come riportato da Quinewsvaldera,it in Toscana l’adesione è già arrivata oltre che da Firenze anche da Pontedera. Ai Comuni dei sindaci Nardella e Millozzi si aggiungono anche Calenzano, Poggio a Caiano, Borgo San Lorenzo, Montemurlo, Montevarchi, Roccastrada, Cortona, Trequanda, Fivizzano e Pontassieve.

Le adesioni continuano ad arrivare all’Anci, e in questi giorni la proposta è all’ordine del giorno di giunta di moltissime amministrazioni comunali toscane. Nei gazebi e negli uffici comunali sarà distribuito materiale informativo e sarà illustrato l’articolato della proposta, che “vuole esprimere il sentire comune a tanti sindaci e amministratori locali, che avvertono tutta l’urgenza di operare per una maggior diffusione del senso di appartenenza alla comunità dei cittadini e delle cittadine italiani”.

E’ attesa a breve la comunicazione del sindaco Simone Millozzi su come e dove verranno installati i banchetti per la raccolta firme.