Emergenza coronavirus: i podisti di San Miniato donano 1.500 mascherine alla Protezione Civile, alla Casa di riposo e a Casa Verde

Sono appena arrivate e sono già pronte per essere consegnate le 1.500 mascherine acquistate dalle società podistiche di San Miniato, destinate alle associazioni di Protezione Civile, alla RSA Del Campana-Guazzesi e a Casa Verde. “Abbiamo deciso di dare il nostro contributo in un momento così difficile, un segnale importante che volevamo dare come podisti – spiega Ivano Leoni dell’associazione Sport & Solidarietà che ha coordinato il progetto -. In questa emergenza spesso si è dato la colpa ai runner di propagare il contagio non rispettando le regole, noi volevamo dare un segnale importante che va nella direzione opposta: le società podistiche di San Miniato si sono attenute da subito alle indicazioni del Governo, con la donazione di queste mascherine vogliamo far capire quanto ci teniamo ad essere attenti e rispettosi per il bene di tutti”. All’iniziativa, oltre all’associazione Sport & Solidarietà, hanno aderito anche l’Atletica La Rocca, il Podismo il Ponte, il Gruppo Podistico Casa Culturale, Rico Running, i Podisti Pontaegolesi ASD, i Fratres San Miniato Basso, Gruppo Podistico Sala 78 e la Polisportiva Omega.
Le 1.500 mascherine sono in consegna proprio in questi giorni: 500 sono destinate alla Rsa Del Campana-Guazzesi e 400 a Casa Verde, mentre per quanto riguarda le associazioni di Protezione Civile 200 andranno alla Vab e 400 alla Croce Rossa.

“Voglio ringraziare le società podistiche del nostro territorio per questo bel gesto con il quale hanno dimostrato grande sensibilità e senso civico, dopo le critiche che ci sono state in questi giorni verso i podisti che non riuscivano a stare in casa e che non volevano rinunciare alla corsa quotidiana, questa è davvero una bella notizia – dichiara il sindaco di San Miniato Simone Giglioli -. Le mascherine, come è ormai noto, sono un bene di prima necessità che non è semplice reperire; donazioni come questa sono veramente vitali. Ringrazio i podisti del nostro territorio e le società che hanno da subito accolto e rispettato le regole dell’emergenza da Coronavirus, a dimostrazione del fatto che, se c’è attenzione e collaborazione, possiamo davvero fare la differenza e aiutarci gli uni con gli altri per superare insieme questo delicato momento – e conclude -. Rinnovo l’invito a tutta la cittadinanza a stare a casa e spostarsi solo per casi di necessità, questi giorni sono determinanti per contenere la curva del contagio e occorre che ognuno faccia la sua parte: non saranno ammesse violazioni, chi verrà sorpreso in giro senza un motivo reale e giustificato, verrà multato”.

 

 

i Nostri Articoli