Lunedì sera è andata in onda la quarta puntata stagionale di “Eoraparloio” dagli studi di PisainVideo. Uno degli ospiti telefonici della serata è stato Marco Ilari, ex attaccante nerazzurro dal 2009 al 2012. “Il Pisa sta entusiasmando. Lo percepisco da lontano: significa che il lavoro dello staff tecnico e dei giocatori sta pagando“. “Bene ha fatto la società a mantenere il gruppo che nella passata stagione ha scritto una pagina di storia – spiega Ilari – se poi servirà, a gennaio sicuramente la società non si farà trovare impreparata. Ha dimostrato di tenere moltissimo alla squadra e ai suoi tifosi: daranno altre soddisfazioni alla gente di Pisa“.

Adesso gioco in Serie D nel Tor Sapienza, un quartiere storico di Roma della periferia che si porta dietro uno zoccolo duro molto numeroso di tifosi che ci segue tutte le settimane“. “Siamo una realtà piccola – prosegue – che investe molto nel settore giovanile. Il mister è un altro ex calciatore nerazzurro: Fabrizio Anselmi“.

Riguardo al progetto delle squadre Under 23 varato dalla Serie C esprimo il mio dissenso – conclude Ilari – la realtà italiana è differente rispetto alla Spagna o alla Germania, dove questi progetti sono nati da molti anni. Sarebbe meglio dare più spazio ai giovani con maggiore convinzione, indipendentemente dalle sovvenzioni che arrivano dalla Lega. Il giovane bravo secondo me ha sempre la possibilità di giocare: soltanto così si premia il vero talento. Altrimenti si fa soltanto commercio di sogni“.

La Serie B di quest’anno mi sta piacendo. Ci sono molte squadre attrezzate che daranno un grande equilibrio al torneo. Il Pisa credo che potrà dire la sua perché vedo organizzazione ed entusiasmo“.