Approvato dalla giunta comunale di San Miniato il Piano dei fabbisogni di personale relativo al triennio 2020/2022. Con questo documento le amministrazioni pubbliche possono così definire del proprio modello organizzativo e, sebbene debba avere una valenza triennale, va adottato anualmente e allegato al DUP (Documento Unico di Programmazione). “Primo dell’adozione di questo piano, abbiamo verificato se ci fossero cadenze o eccedenze di personale, condizione necessaria per poter effettuare nuove assunzioni o instaurare qualunque tipologia di rapporto di lavoro – spiega il sindaco di San Miniato, Simone Giglioli -. Da questa ricognizione, effettuata da dirigenti di settore, è emerso che il nostro Comune non ha lavoratori in soprannumero e quindi abbiamo stilato un programma per quest’anno con il quale prevediamo di reintegrare quelle figure che resteranno vacanti per pensionamenti o cessazioni”. La dotazione approvata, infatti, prevede un organico di 176 unità, mentre ad oggi al Comune di San Miniato sono in servizio 160 persone; con il piano delle assunzioni 2020 si andranno quindi a ricoprire 16 posti al momento scoperti, sulla base dei pensionamenti o delle cessazioni maturate fino al 2019 e di quelli previsti nel 2020.

Alla luce di quanto emerso da questa analisi, il piano di fabbisogno triennale (ed il piano assunzionale 2020) approvato dalla giunta stabilisce che, nel corso di quest’anno, si proceda con l’assunzione attraverso concorso di 2 necrofori ed 1 collaboratore tecnico manutentore, 3 specialisti amministrativi, 1 istruttore informatico, 2 operatori di cucina e 1 vigile, inoltre l’amministrazione assumerà, ai sensi della Legge 68/99, 2 impiegati per i servizi tecnici di cui uno con profilo amministrativo ed uno tecnico e procederà alla procedura selettiva per 1 specialista tecnico con alta professionalità e alla mobilità per la ricerca e selezione di 1 istruttore tecnico, 1 specialista tecnico e 1 educatore di asilo nido.