“Oggi arriva un segnale importante per il nostro territorio e per il tessuto produttivo toscano. La Regione sostiene i percorsi di formazione e aggiornamento delle competenze di lavoratrici e lavoratori, in questo caso dipendenti della Vitesco, dando loro gli strumenti per affrontare la transizione che questo settore sta vivendo e vivrà”. Così l’assessora al lavoro, formazione, università e ricerca della Regione Toscana Alessandra Nardini, che al Polo tecnologico di Navacchio ha partecipato alla cerimonia di consegna dei diplomi a 100 tra manager e dirigenti della Vitesco Technologies (ex Continental Automotive), allievi nei mesi scorsi del corso di perfezionamento Automotive Electronics and Powertrain Electrification, organizzato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa, in collaborazione con Unione Industriali Pisa e Vitesco Technologies (gruppo Continental).

Il corso è stato supportato dalla Regione Toscana. La frequenza al corso è stata stata sostenuta con il finanziamento di voucher formativi, per un importo complessivo di 200mila euro, utilizzando risorse ministeriali e regionali.

“L’obiettivo principale – ha continuato l’assessora Nardini – è quello di garantire stabilità ad un insediamento industriale fondamentale per l’occupazione e lo sviluppo di quest’area. Voglio sottolineare quanto sia stata fondamentale e assolutamente preziosa la sinergia tra Università, Regione e mondo dell’impresa. Da parte nostra continueremo a dare il massimo contributo sia per affrontare le sfide del futuro sulla mobilità smart e sostenibile che per sostenere la permanenza di siti come questi sul nostro territorio”.

I voucher formativi di cui i manager hanno usufruito si inseriscono infatti nel quadro di misure e di azioni delineati dal protocollo d’intesa siglato nel luglio 2020 tra la multinazionale e la Regione Toscana per scongiurare, dopo una fase di riorganizzazione del gruppo, i rischi di chiusura e ridimensionamento dei siti produttivi attivi nella provincia di Pisa (Fauglia e San Piero a Grado), in cui sono impiegate circa mille addetti. Della stessa operazione fanno parte i voucher “Just in time” erogati a circa 100 dipendenti nel corso del 2020 (cofinanziamento di 60.000 euro) per un corso di formazione realizzato sempre dall’Università di Pisa.

Il corso, della durata di 104 ore, è iniziato a febbraio 2020 e si è concluso a gennaio 2021. Fornisce le basi teoriche e i principi di funzionamento dei componenti e sistemi elettronici utilizzati nei veicoli ibridi e/o elettrici, con particolare riguardo ai sistemi relativi all’elettrificazione del power train.