Il Consiglio comunale ha approvato ieri, martedì 30 Novembre, all’unanimità una mozione del Consigliere della Lega Giovanni Pasqualino (nella foto) che chiede al Comune di Pisa di fare una vera e propria lotta contro chi abitualmente getta a terra mozziconi di sigaretta.

“Accendere una sigaretta significa immettere in ambiente più di 4000 sostanze chimiche ad azione irritante, nociva, tossica, mutagena e cancerogena” – così scrive, nella sua mozione il consigliere Pasqualino  “Una parte di queste sostanze chimiche resta nel filtro e va a contaminare quella parte di sigaretta non fumata che comunemente chiamiamo cicca o mozzicone. Nelle cicche, quindi, è possibile trovare moltissimi inquinanti: nicotina, benzene, gas tossici quali ammoniaca e acido cianidrico, composti radioattivi come polonio-210, e acetato di cellulosa, la materia plastica di cui è costituito il filtro. Buttare per terra le cicche è un comportamento istintivo, un errore inconsapevole che la maggior parte della gente comincia a fare per imitazione altrui e porta avanti per abitudine. Prova di questo è il fatto che, nei Paesi in cui ci sono dei divieti severi, che vengono fatti rispettare anche attraverso multe “salate”, questo comportamento è scomparso nell’arco di pochissimo tempo. Sono diversi infatti i paesi che già da tempo applicano sanzioni pesantissime contro coloro che gettano mozziconi di sigaretta a terra. In Italia vige una legge dal 2015 che riconosce i mozziconi come rifiuti e che prevede sanzioni fino a 300 euro. Seppur normato dunque, il gesto del mozzicone a terra rimane troppo tollerato, molto probabilmente sottovalutiamo i gravi danni ambientali e di salute che lo stesso può provocare, inoltre vorrei che il Sindaco di Pisa– conclude Pasqualino –  accogliesse l’appello lanciato dal tg satirico Striscia la Notizia che chiede a tutti i Sindaci di Italia di firmare un patto per contrastare la dispersione dei mozziconi di sigaretta applicando semplicemente la legge “l’obbligo per i comuni di provvedere ad attuare specifiche campagne informative e posizionare nelle strade/parchi appositi raccoglitori per la raccolta di mozziconi”. Chiedo, infine, di sensibilizzare i cittadini tramite campagna di informazione donando loro un posacenere portatile e che si faccia un piano di controllo da parte della Polizia Municipale”.