Prosegue frenetica la campagna elettorale dei due protagonisti del prossimo ballottaggio dal quale uscirà il nuovo sindaco di Pisa. A due giorni dalle votazioni Serfogli e Conti, sostenuti dal loro seguito, compiono l’ultimo sforzo nel tentativo di portare dalla propria parte l’ago della bilancia.

Numerose le presenze al confronto organizzato dal Tirreno alla Leopolda in cui i due candidati hanno risposto, con estrema civiltà, alle numerose domande poste loro sui temi più scottanti di questa lunga campagna elettorale.  A turno hanno affrontato il tema molto attuale della sicurezza in città, dei nodi attorno alla questione aeroporto, all’industria del turismo e il restyling dell’Arena Garibaldi, suscitando scrosci di applausi nella porzione di cittadini a loro legati.

Una sorta di riassunto finale in cui hanno avuto la chiara possibilità di giocare le ultime carte a loro disposizione dopo l’appoggio dei loro illustri colleghi quali Gentiloni e Veltroni per Serfogli e il ministro Salvini per Conti.

Il vicepremier, atteso questa sera in città prima sul ponte di mezzo per la discussa cena e poi in Piazza Carrara dove terrà un comizio a sostegno del candidato, promette di sostenere Pisa aumentandone già da quest’anno il numero di poliziotti e carabinieri.

Ultimi sprazzi di buoni propositi prima di domenica 24 giugno, quando dalle 7 alle 23 i pisani saranno chiamati nuovamente ad esprimere la loro preferenza. Stavolta dal voto ne uscirà il nuovo sindaco di Pisa.