Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, tramite il Comando Provinciale di Pisa, per la prima volta è coordinatore di un importante progetto europeo della durata di 24 mesi che vede tra i partner il Comando Regionale dei Vigili del Fuoco di Moravia e Slesia (Rep. Ceca); l’Istituto di ricerca antincendio della Polonia e Timesis srl (Italia).

Il progetto, denominato EASeR (Enhancing Assessment in Search and Rescue), finanziato dal Meccanismo Europeo di Protezione Civile, ha l’obiettivo di contribuire a superare gli elementi che ostacolano la valutazione dello scenario e del contesto operativo e quindi a migliorare lefficienza delle operazioni di ricerca e salvataggio sotto le macerie. Gli elementi ostativi sono stati definiti ‘Effetto Barriera’ e si riferiscono specificatamente a ostacoli dovuti a variabili ambientali (come violente precipitazioni o esodo di mezzi e persone non controllato o disordinato) e/o alla gestione del flusso di informazioni.

Nell’ambito del progetto, dal 16 al 18 luglio si svolgerà a Pisa una riunione con i partner cechi e polacchi alla quale parteciperanno rappresentanti del Ministero dell’Interno, CNVVF e Protezione Civile del Comune di Pisa. I due giorni di lavoro si apriranno nella cornice del Palazzo dei Cavalieri di Santo Stefano e si concluderanno con la visita del campo macerie del Comando di Pisa, strumento di formazione tecnica avanzata per soccorritori. Al termine saranno predisposti gli indici delle procedure per l’Italia e le raccomandazioni internazionali da presentare ad ottobre a Varsavia.

Fonte foto: La Stampa