Il calcio italiano sta vivendo un’altra estate per certi versi folle, forse la peggiore degli ultimi anni:  siamo al 10 agosto e la serie B, a differenza di quanto fatto negli anni passati , non ha ancora definito il calendario, visto che non è stato definito il numero delle partecipanti.  Le esclusioni di Avellino, Bari e Cesena hanno scatenato una corsa al ripescaggio contraddistinta, da una serie infinita di ricorsi  visto che in C si stanno dando battaglia cinque club mentre le società di B auspicano una cadetteria a 19 formazioni. Questo stato di cose ha finito per penalizzare a cascata anche la terza serie il cui calendario è previsto per mercoledì 22 agosto, nono stante i gironi siano stati soltanto abbozzati e non comunicati ufficialmente , perchè in ballo ci sono i ricorsi di due club retrocessi in serie D (Prato e Santarcangelo) e di una squadra che ha chiuso il proprio campionato al secondo posto (Como), oltre poi  all’Aprilia che ha chiesto la riammmisione. La nostra collega e amica Claudia Marrone ha realizzato un intervista al presidente della Lega Pro Gabriele Gravina:“Io credo principalmente una cosa: che ci dovrebbe sedere tutti insieme a un tavolo, siamo leghe che fanno però parte dello stesso sistema, e questo atto di distruzione del calcio italiano qualcuno lo porterà sulla coscienza. Credo nella riforma dei campionati e nel rispetto delle regole, combatto l’arroganza e le forme di egoismo, e quando sento dire che si vuol ridurre la B in modo da dividere diversamente le risorse, trovo tutto vergognoso. Noi rimaniamo in attesa, ma di cosa alla fine? Le regole sono talmente chiare.”.

Sulla possibilità di una effettiva partenza il 2 settembre della serie C o un ulteriore slittamento questa è la risposta di Gravina: ” Date voi una risposta, vi pare normale tutto ciò che sta succedendo? I ripescaggi sono un diritto di tanti club in regola che hanno fatto sacrifici per rispettare tutti i parametri richiesti, perché bloccare i ripescaggi? E secondo voi io dovrei far partire i campionati con il rischio che tra un mese tutto venga stravolto dalla giustizia?”