Esame superato per il Tuttocuoio, non soltanto per il risultato scaturito al termine della lotteria dei calci di rigore che permette ai neroverdi  di approdare al primo turno della competizione, eliminando una squadra di tutto rispetto come il Ghiviborgo, ma anche sul piano dell’atteggiamento, riuscendo per la prima volta a mantenere la propria porta inviolata. La squadra ha messo in mostra anche grande carattere riuscendo a tenere botta agli assalti dei padroni di casa nella ripresa nell’ultima mezz’ora in inferiorità numerica. Come previsto mister Masini da luogo al consueto 4-3-3 con Lombardi (autentico protagonista parando due rigori), Ceccarello, Cascone, Bianconi e Bertolucci a comporre la linea difensiva. Ferretti playmaker davanti la difesa affiancato ai lati da Guidelli e Fino, in avanti Di Paola affiancato da Alagia e Bellante nel tridente offensivo.

PRIMO TEMPO NEROVERDE- Il primo sussulto del confronto è di marca biancorossa con Ghini innescato dalla sponda di Tagliavacche a chiamare in causa Lombardi, il portiere neroverde risponde presente. Il Tuttocuoio tuttavia non si fa impaurire e prende il comando delle operazioni con personalità, prima la deviazione aerea dell’ex di turno Di Paola sul fondo e poi il palo da fuori area di Guidelli fanno capire le intenzioni della truppa di Masini, che per tutto il primo tempo è in controllo della gara sfiorando a più riprese il vantaggio. Nel finale del tempo Bellante e lo stesso Di Paola ad andare vicino alla segnatura.

PAGLIUCA CAMBIA. Esce dal tunnel degli spogliatoi un Ghiviborgo completamente diverso, non solo negli uomini ma anche nell’atteggiamento. De Santis prende il posto di Gargano e Micchi vienee inserito al posto di Barsotti, successivamente a stretto giro di posta Notttoli e Marino prendono il posto di Ghini e Chianese. Attorno al quarto d’ora Lombardi a deviare una velenosa punizione battuta da Frugoli respinta dalla barriera, e poco dopo l’episodio che cambia l’esito del confronto: il direttore di gara ravvisa un di mano di Cascone comandando la massima punizione e doppio giallo e il conseguente cartellino rosso al calciatore ex Mantova. Dal dischetto si presenta Ortolini che però si fa disinnescare il tiro dall’estremo difensore ospite. Masini è costretto a cambiare per coprirsi inserendo un difensore (Mazzola) al posto di un attaccante – seppur esterno- Bellante. Proprio il neo entrato si propone in avanti su azione di angolo denotando la voglia comunque del Tuttocuoio di provare a far male quando se ne presenta la necessità. Nel finale è ancora il portiere ex Avezzano a issarsi a vero protagonista respingendo un gran tiro di Ortolini e una conclusione velenosa di Martino. Poi nella lotteria dei rigore Lombardi dice ancora no ad Ortolini mentre i giocatori del Tuttocuoio si mantengono freddi riuscendo a portare a casa la vittoria e approdare al primo turno di coppa, domenica 2 settembre – con sede da definire- sfida contro l’Aglianese, che ha battuto il Prato per 2-0 nella sfida giocata ieri in casa della truppa di Fanani.

 

Ghiviborgo-Tuttocuoio 4-5 D.c.r

Ghiviborgo(4-3-1-2): Sottoriva;  Gargano (46′ De Santis), Sciannamè, Diana, Barsotti (46′ Micchi); Nolè, Tagliavacche, Ghini (54′ Nottoli); Chianese (54′ Marino); Ortolini, Frugoli. A disp. Petroni, Lecceti, Maccabruni, Presicci, Marignani. All. Pagliuca.

Tuttocuoio (4-3-3): Lombardi, Ceccarello (71′ Segantini), Cascone, Bianconi, Bertolucci; Fino (77′ Chiti), Ferretti, Guidelli; Alagia, Di Paola, Bellante (64′ Mazzola). A disp. Marrucci, Manetti, Patteri. All. Masini.

Arbitro: Crezzini di Siena. Assistenti: Pulcinelli di Siena e Arnone di Empoli.

Note: Al 61′ espulso Cascone per somma di ammonizioni. Ammoniti: Scainnamè, Ceccarello. 61′ Lombardi para un rigore a Ortolini

Sequenza rigori: Costalli (T) gol, Ortolini (Gh) parato, Chiti (T) gol, Tagliavacche (Gh) gol, Di Paola (T) gol, Nolè (Gh) gol, Bertolucci (T) gol, Sciammanè (Gh) gol, Guidelli (T) gol.