La solita bellissima festa, organizzata con calore e passione dalle splendide donne della Sartoria della Solidarietà di via Curiel a Fornacette. Tante bambine, tanti genitori e tante nonne si sono ritrovate lunedì 17 settembre per celebrare degnamente la fine del corso di ricamo e cucito riservato alle piccole aspiranti sarte del nostro territorio.

34 le bambine che nei mesi estivi si sono cimentate con ago e filo ascoltando i premurosi consigli delle donne della Sartoria che, dapprima hanno seguito con cura e dedizione le piccole allieve, e poi le hanno invitate per premiarle e fare festa con loro.

Alla festa non erano proprio tutte per impegni legati perlopiù alla scuola, ma si sono comunque presentate in molte.

“A insegnare alle bimbe non sentiamo sacrificio, ma una grande soddisfazione – ha esordito la coordinatrice della Sartoria della Solidarietà Iria Parlanti – specialmente quando capita di avere a che fare con bimbe che ci mettono tutto l’impegno, la volontà di imparare e di far sempre meglio come quelle che hanno frequentato il corso”.

E le attività della Sartoria della Solidarietà di Fornacette non si limitano solo a questo, basti pensare a tutte le Pigotte realizzate per l’Unicef e alla miriade di azioni di beneficenza svolte dall’iperattiva associazione “sartoriale”, vero e proprio laboratorio sartoriale e di socializzazione a cui non ha mai fatto mancare  il suo apporto l’Amministrazione Comunale di Calcinaia.

Come ribadito dal Sindaco, Lucia Ciampi che non ha voluto mancare alla festa per rendere omaggio al grande lavoro svolto dall’associazione: “Una realtà come quella della Sartoria di Fornacette, è un vanto, per il Comune di Calcinaia. Siamo fieri e orgogliosi di tutto quello che fate e vi saremo sempre vicini in tutte le attività che intenderete promuovere”.

Lo stesso caloroso apporto è stato dimostrato dalla Banca di Pisa e Fornacette che da sempre sostiene i progetti della Sartoria e che per voce di Fausto Ciampi ha ringraziato per l’invito ed espresso tutta la sua soddisfazione e quella dei vertici della BCC per l’operato dell’associazione: “Non siete voi che dovete ringraziare la Banca, ma è la Banca che deve ringraziare voi per l’impegno che mettete in tutto quello che fate e che dà lustro al nostro istituto. Sono davvero contento di vedere come questa associazione sia impegnata nel campo della beneficenza e svolga anche belle iniziative come quella del corso di cucito per bambine”.

Alla manifestazione hanno preso parte anche Don Edoardo e Massimo Pardossi che oltre a fare festa alle bambine, hanno raccontato l’esperienza dell’Associazione Aiuta Molunga e hanno specificato lo stato dei lavori nel piccolo villaggio congolese che da tempo aspetta un pozzo per dare una vita minimamente dignitosa ai suoi abitanti.

Erano presenti all’evento anche rappresentanti della Pubblica Assistenza, dello SPI-CGIL e dell’Auser, capitana come al solito dal generosissimo Mauro Pistolesi.

Prima del banchetto finale a base di dolci, ovviamente preparati dalle nonne della Sartoria Suor Margherita, ormai fornacettese d’adozione e membra onoraria della Sartoria, ha consegnato un piccolo omaggio sartoriale e una pergamena a tutte le bambine che hanno preso parte al corso.

Quest’anno la Sartoria ha voluto aggiungere ai consueti regalini anche dei libri, arrivati direttamente dagli scaffali di casa delle donne dell’associaizone, ed un piattino in terracotta da colorare. Insomma nuovi regali per dare l’opportunità alle bambine di liberare la propria creatività!