Al via all’Università di Pisa il corso di perfezionamento “Gestione dello stress basato sulla mindfulness per operatori sanitari”, un percorso formativo articolato in 23 lezioni, con riconoscimento di 12 crediti CFU, riservato a laureati in Medicina e Chirurgia, Psicologia, Professioni sanitarie, scienze infermieristiche e ostetriche. Il corso sarà attivato nell’anno accademico 2018/2019 con un numero minimo di 10 partipanti. Per iscriversi c’è tempo fino al 28 settembre, il bando è consultabile a questo link  Il corso, diretto da Ciro Conversano, ricercatore di Psicologia generale presso il dipartimento di Patologia chirurgica, medica, molecolare e dell’area critica, ha l’obiettivo di fornire conoscenze teoriche di neuroscienze e strumenti pratici volti alla gestione dello stress attraverso lo sviluppo di abilità basate sulla mindfulness, compassion e pratiche contemplative.

Inoltre sta per partire il corso di perfezionamento in “Psiconcologia”, un percorso formativo che si compone di 26 lezioni ed esercitazioni, con il riconoscimento di 12 CFU. Il corso è riservato ai laureati in Psicologia, Medicina e chirurgia, Professioni sanitarie, Scienze infermieristiche e ostetriche, Professioni sanitarie tecniche, Professioni sanitarie della riabilitazione oppure altre lauree appartenenti a ordinamenti precedenti, riconosciute come equipollenti. Il corso sarà attivato nell’anno accademico 2018/2019 con un numero minimo di 10 partecipanti: le iscrizioni sono aperte fino al 21 settembre e il bando è consultabile a questo link. Anche questo corso è diretto dal professor Ciro Conversano e ha l’obiettivo di formare figure professionali specializzate nella presa in carico del paziente oncologico e nel supporto psicologico dello stesso, dei familiari e verso il personale curante. Questi professionisti saranno in grado di inserirsi nell’ambito delle strutture ospedaliere, assistenziali, territoriali e domiciliari grazie alle competenze specifiche fornite e saranno capaci di progettare protocolli di ricerca in ambito psiconcologico. Inoltre, verranno forniti strumenti volti ad acquisire conoscenze pratiche circa il trattamento del paziente oncologico nella sua globalità, compreso l’aspetto multidisciplinare della cura.