Un’iniziativa a carattere nazionale, per reclamare attenzione e giustizia su un caso di omicidio che ha scosso il campo della ricerca italiana e messo a nudo delle criticità nei rapporti internazionali del nostro paese. Oggi, sabato 29 settembre, e domani domenica 30, passerà da Pontedera la ciclostaffetta “A Roma per Giulio”, organizzata da Fiab Monfalcone – Bisiachinbici. 

L’iniziativa ha l’intento di sensibilizzare la popolazione al caso di Giulio Regeni, ricercatore italiano residente in Egitto per studi e ritrovato morto a Il Cairo il 3 febbraio 2016. Intorno all’omicidio del giovane si è addensata una serie di segreti, intrighi politici internazionali e depistaggi che, ancora oggi, non ha consentito di arrivare alla verità.

Per questo motivo è stata organizzata questa staffetta in bici, partita dai luoghi nativi di Giulio – Duino e Fiumicello – per arrivare sino alla capitale e chiedere udienza alle autorità. Questa sera alle 20.30 presso il Circolo Galimberti si terrà una cena di accoglienza ai partecipanti, ai quali si potrà prendere parte con un contributo di 10 euro. Domani alle ore 8 ci sarà invece il saluto ufficiale delle istituzioni in Piazza Cavour prima della partenza. Saranno presenti anche le associazioni socie della “Tavola della Pace e della Cooperazione” e del presidio di Libera “Domenico Gabriele”.