Si è passati dall’esaltazione per il trionfante successo per 3-0 ad Agliana all’inaspettata sconfitta interna contro la Pianese frutto di una prestazione deludente di mercoledì. Il Ponsacco affronta la terza partita di questa settimana con la voglia di cancellare la battuta d’arresto di quattro giorni fa, ma anche per tornare sui propri livelli di gioco. E’ un campionato estremamente difficile questo, il tecnico Maneschi lo ricorda sempre a chi gli chiede se i rossoblù sono o meno i favoriti del torneo. C’è da ricercare la quadratura del cerchio sotto tutti gli aspetti ed è normale che una squadra a fine settembre si deve formare e trovare i propri equilibri.

Di fronte c’è un avversario che fa della fisicità e aggressività le sue armi migliori; finora i ragazzi di Davitti hanno subito solo una rete (quella di mercoledì a Ponte a Egola contro il Tuttocuoio) quindi la gara si annuncia tutt’altro che semplice. Riguardo alla formazione, Maneschi darà seguito al 4-3-1-2 con qualche possibile mutamento in formazione, da valutare se Remorini sarà pronto per partire titolare o meno.

Dirige il confronto il sig. Nicola Di Giovanni di Caserta, coadiuvato dagli assistenti Luca Santoni e Caterina Sugamiele di Cesena. Fischio d’inizio alle ore 15.

Scandicci (3-5-2): Temperanza; Pezzati, Alderotti, Manganelli; Giampà, Poli, Gargiulo, Bragadin, Sinisgallo; Gianotti, Vangi. A disp. Martinelli, Gelli, Cauterucci, Bigica, Parrini, Saccardi, Martini, Pecchioli, Traversari. All. Davitti.

Ponsacco (4-3-1-2): Bulgarelli; Tazzer, Mazzanti, Lici; Castorani, Caciagli, Mariani; Doveri; Vanni, Brega. A disp. Lai, Calabrese, Albanese, Remorini, Menichetti, Gremigni, Semprini, Benericetti. All. Maneschi