Come di consueto si è conclusa pochi minuti fa la conferenza stampa di presentazione della partita da parte di mister Luca D’Angelo, domani infatti i nerazzurri alle 14.30 saranno impegnati a Pistoia per la 6^ giornata del campionato, un campionato che deve assolutamente avere una svolta così come si auspica lo stesso D’Angelo.

Dal punto di vista dell’allenamento, della voglia e della costanza i ragazzi sono ineccepibili a loro non posso rimproverare niente, ora assolutamente l’unica cosa che serve però sono i 3 punti. Secondo me il nostro problema in queste prime gare è stata la lentezza del gioco, sopratutto nei primi tempi mentre nella ripresa quando le squadre si allungano noi abbiamo fatto meglio.”

Sicuramente però non dobbiamo aspettare l’ultima mezz’ora per iniziare a giocare e da Pistoia mi aspetto proprio questo: iniziare la sfida in maniera diversa. Mi aspetto una Pistoiese arrabbiata per gli ultimi risultati negativi, una squadra che è vero prende gol ma che ne ha fatti anche tanti, loro propendono alla fase offensiva a prescindere dall’assetto con cui giocheranno.”

Domani ci sono tutti, recuperato anche De Vitis e Buschiazzo torna dalla squalifica. Solamente Cardelli è ancora acciaccato, per il resto siamo tutti disponibili. In una settimana ora avremo tre partite quindi ci sarà bisogno di tutti, inizia un periodo molto denso e noi dovremo essere pronti.”

E’ vero che da fuori area tiriamo poco e cerchiamo anche troppo di giocare sulle fasce, quindi anche su questo stiamo dando indicazioni diverse per provare a sbloccare la situazione offensiva. Domani sarà importante come sempre, siamo entrati nella logica giusta di gioco sopratutto quando ci sono tante partite ravvicinate come ora, la panchina dovrà dare un grande contributo come ha fatto anche nelle scorse partite, per fortuna possiamo contare su una rosa di spessore anche nei cambi.”

Si parla tanto di questa rosa, a mio avviso è una squadra giovane ma competitiva perché non vuol dire che avere i giovani non significhi essere forti, io non voglio nessun altro tassello, a me va più che bene così. Io resto con la mia idea di calcio, Zammarini non è improvvisato sull’esterno, non mi piacciono le cose improvvisate, quando i miei giocatori vanno in campo sanno cosa devono fare.”

Dobbiamo migliorare negli ultimi 16 metri, per il resto io ho visto una buona squadra. Quando arriviamo sul fondo del campo deve migliorare la qualità dei cross e dell’ultimo passaggio. L’Area noi l’attacchiamo con tanti uomini, serve essere più cinici perché nell’ultima cosa ci manca sempre qualcosa. Non penso sia un problema mentale, abbiamo sbagliato tanti gol anche davanti alla porta, il calcio è difficile da comprendere sotto alcuni aspetti, speriamo di sbloccarci domani.

“Il clima tra di noi è sempre sereno, se sapessi che un giocatore gioca male perché sotto pressione per il pubblico con me non giocherebbe più, quindi non è quello il problema. Ho ragazzi concentrati e top sotto il punto di vista mentale, è giusto sentire la pressione nello sport ma da soli noi non abbiamo paura di niente, giocare a Pisa deve essere solo un onore.”