Protagonista ancora del posticipo il Pontedera, dopo quello sfortunato di lunedì sul campo dell’Arezzo i granata questa sera affrontano il Gozzano. Avversario sulla carta sicuramente più morbido ma assolutamente da non sottovalutare. Ci vorrà una squadra molto più decisa e convinta rispetto a quella piuttosto remissiva vista almeno della prima mezz’ora contro gli amaranto. Una sfida conto una compagine che ha gli stessi obiettivi della truppa di Ivan Maraia e quindi a maggior ragione cercare la vittoria è quasi un obbligo.

NON SI SCAPPA DAL 3-5-2- Incertezza sul modulo non esiste è una sorta di mantra per i granata, sistema di gioco su cui Maraia lavora ormai da quando un anno e mezzo e fa ha preso il posto di Paolo Indiani. Sarà assente lo squalificato Alessio Benedetti, mentre torna proprio da un turno di stop del giudice sportivo Borri. Possibile 3-5-2 in tutti i reparti con Vettori e Fontanesi a giocarsi un posto in difesa e un ampio ballottaggio sulle corsie esterne, dove Magrini, Masetti, Giuliani e Serena ad ambire alle due maglie da titolare. In avanti scalpita Tommasini che potrebbe insidiare Pinzauti a fianco di Mannini

Dirige il confronto Daniele Rutella di Enna, coadiuvato da Gabriele di Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto e Alfio Conti di Acireale

PONTEDERA (3-5-2): Biggeri; Fontanesi, Borri, Ropolo; Magrini, Calcagni, Caponi, La Vigna, Masetti; Mannini, Tommasini. A disp. Sarri, Marinca, Benassai, Vettori, Raimo, Giuliani, Serena, Bruzzo, Pandolfi, Pinzauti, R. Benedetti. All. Maraia.

GOZZANO (3-5-2): Casadei; Bini, Gigli, Emiliano; Petris, Secondo, Palazzolo, Graziano, Evan’s; Messias, Libertazzi. A disp. Gilli, Tordini, Tumminelli, Grossi, Manè, Gemelli, Acunzo, Sanpietro, Bruzzaniti, Rolfini, Rolando. All.Soda.