Al Teatro Verdi di Santa Croce sull’Arno venerdì 30 novembre alle ore 21 andrà in scena “Diario di un brutto anatroccolo”, terzo appuntamento della rassegna dedicata alle famiglie Stasera pago io! . L’originale formula prevede che il solo pubblico pagante siano i bambini, con un biglietto da 5 euro possono portare a teatro i propri familiari, i quali muniti di fantassegno entrano gratis e assistono allo spettacolo. Fantassegno da cambiare in biglietteria con un biglietto omaggio, fino ad esaurimento posti.

Diario di un brutto anatroccolo, con Ilaria Carlucci, Fabio Tinella, Luca Pastore, Francesca De Pasquale con la regia di Tonio De Nitto.

Un anatroccolo oltre Andersen che usa la fiaba come pretesto per raccontare una sorta di diario di un piccolo cigno, creduto anatroccolo, che attraversa varie tappe della vita come quelle raccontate nella storia originale, e compie un vero viaggio di formazione alla ricerca di se stesso e del proprio posto nel mondo, alla scoperta della diversità come elemento qualificante e prezioso. La nascita e il rifiuto da parte della famiglia, la scuola e il bullismo, il mondo del lavoro, la caccia e poi la guerra come orrore inspiegabile agli occhi di chiunque, tappe di un mondo ostile, forse, ma che resterà tale solo fino a quando il nostro “anatroccolo” non sarà in grado di guardarsi negli occhi e accettarsi così com’è, proprio come accade al piccolo anatroccolo della fiaba di Andersen che specchiandosi nel lago scopre la propria vera identità.