In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, l’amministrazione comunale di Pisa organizza per sabato 24 novembre alle ore 10 un incontro in Sala Baleari sul tema, promosso dal vicensindaco e assessore alle pari opportunità Raffaella Bonsangue, che introdurrà l’evento, a cui parteciperanno come relatori la professoressa Liliana Dell’Osso, Clinica Psichiatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Pisa, Sandra Orsini, vice commissario della Squadra mobile della Questura di Pisa, Gina Giani, Amministratore delegato Toscana Aeroporti. Interverrà la senatrice Anna Maria Bernini. A coordinare gli interventi, il giornalista Cristiano Marcacci e ad arricchire la giornata le letture dell’attore e regista Renato Raimo.

Per la serata di sabato inoltre la Torre di Pisa sarà illuminata di arancione, così come le Logge dei Banchi, che proseguiranno ad essere illuminate fino a fine mese. Sul balcone di Palazzo Gambacorti da ieri è stato posto uno striscione che ricorda l’adesione del Comune alla giornata, mentre sabato mattina verrà issata la bandiera su Ponte di Mezzo.

Partecipa all’iniziativa l’associazione Fidapa, Federazione Italiana Donne Arte Professioni Affari, che per l’occasione ha coinvolto alcuni ragazzi delle classi IV e V dell’Istituto d’Arte Liceo Russoli di Pisa, chiedendo loro di comporre degli elaborati grafici sul tema della violenza contro le donne. Le opere dei ragazzi verranno esposte a partire da sabato al secondo piano di Palazzo Gambacorti.

“Sentitamente ho promosso questa iniziativa – dichiara il vicesindaco Raffaella Bonsangue – condivisa con tutta la giunta comunale, per aderire alla Giornata contro la violenza sulle donne, che viene celebrata il 25 novembre in tutto il mondo. Questo evento rientra nell’ambito di un percorso di voluta sensibilità nei confronti delle pari opportunità e delle situazioni di discriminazione subite dalle donne. Si ricorda a tal proposito che lunedì 26 novembre scade il termine per presentare le domande di partecipazione al Consiglio delle Pari Opportunità, organo aperto ad associazioni e consigliere comunali, al fine di realizzare progetti che portino avanti questa sensibilità. Per noi la lotta contro la violenza sulle donne, così come le azioni di promozione delle pari opportunità, sono questioni trasversali a cui tutti dobbiamo dare il nostro contributo, poiché i fatti di cronaca ci sottopongono quasi quotidianamente questa emergenza, ma anche perché i piani della discriminazione nei confronti delle donne nella nostra società sono ancora molteplici e difficili da scardinare”.