Si è svolto sabato scorso, alla biblioteca Gronchi di Pontedera, il corso di aggiornamento destinato a tutti coloro che a vario titolo entrano nel percorso della violenza di genere. Stiamo parlando di medici (pediatri, ginecologi, emergenza e urgenza, psichiatri, ecc), assistiti sociali, psicologi, infermieri, ostetriche, che da qualche mese fanno parte del coordinamento che ha il compito di mettere in atto azioni idonee per arginare la violenza di genere e, soprattutto, per prevenirla attraverso la presa in carico della persona a rischio di maltrattamento.

La giornata di studio, dal titolo “Raccontare la violenza: la voce dei servizi”, ha messo in risalto come un problema così complesso non possa essere delegato ad uno specialista ma necessiti di un lavoro di squadra in moda da mettere in campo le diverse competenze.