Lo aveva anticipato il presidente nerazzurro Giuseppe Corrado durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo sponsor sulle maglie: il brusco stop con “Sorgente Acqua Tesorino” è dovuto a causa di alcune rate non pagate proprio dall’azienda in questione.

Oggi la società di via Battisti, con una brevissima nota, informa di aver depositato l’ingiunzione di pagamento presso il Tribunale.

Il Pisa Sporting Club – si legge nella nota – a tutela dei propri interessi ha provveduto, tramite i propri legali, a depositare presso il Tribunale di Pisa l’ingiunzione di pagamento nei confronti di MLC s.r.l., denominazione commerciale della Sorgente Tesorino.