Dopo la settimana grottesca vissuta dal Pisa che ha conquistato solamente due punti in tre tra le migliori gare giocate in questa stagione, i nerazzurri si ritufferanno in campionato Domenica 3 Febbraio quando alle ore 14.30 saranno di scena in casa dell’Alessandria per l’incontro valido per la 24^ giornata del girone A di Serie C. L’avversario di turno è una tra le squadre più deludenti del campionato, i grigi infatti erano partiti sicuramente con altre ambizioni (un po’ come i nerazzurri) ma al momento si trovano addirittura al 14° posto in classifica con 21 punti, più a ridosso dei playout che dei playoff.

La situazione in casa piemontese è sportivamente tragicomica, dopo la clamorosa mancata promozione all’ultima giornata della stagione 2016/2017 e dopo aver dilapidato un vantaggio di oltre 10 punti sulla Cremonese poi promossa, sembra quasi che una maledizione si sia abbattuta sulla città e sulla squadra e sotto questo aspetto i grigi ricordano molto i nerazzurri: grandi investimenti ma risultati sicuramente inferiori alle aspettative come l’incredibile uscita dai playoff della stagione scorsa per mano della Feralpisalò dopo un campionato anch’esso sicuramente negativo (unica gioia la vittoria della Coppa Italia).

Anche quest’anno come detto in apertura l’Alessandria sta arrancando non poco in campionato con il clamoroso ed eclatante dato sulle partite casalinghe dei grigi: tra le mura amiche infatti la casella delle vittorie recita ancora lo zero: 5 pareggi e 5 sconfitte nelle dieci gare giocate al “Moccagatta” un vero e proprio territorio di conquista per le squadre avversarie. In questa stagione si è puntato in panchina sull’ex giocatore tra le altre di Udinese e Siena Gaetano d’Agostino che nonostante i risultati non esaltanti sino ad oggi ha mantenuto la fiducia della società, una società contestatissima nella città piemontese.

Mister D’Agostino solitamente fa giocare la sua squadra con un 3-5-2 classico, dunque potrebbe mettersi a specchio della formazione nerazzurra. Il portiere titolare è Cucchietti, davanti a lui ci sono Gemignani, Prestia e Agostinone; passando al centrocampo invece troviamo sull’esterno di destra Sartore e su quello di sinistra Panizzi mentre al centro del campo ci sono solitamente Bellazzini, Checchin e l’esperto Gazzi (oppure Gatto, omonimo dei fratelli ex Pisa).

Passando al duo offensivo nelle ultime gare hanno giocato De Luca e Santini, contro i nerazzurri però quest’ultimo sarà squalificato e dunque è lecito aspettarsi di vedere dall’inizio il neoacquisto di Gennaio Claudio Coralli arrivato dalla Carrarese. I grigi ad oggi hanno giocato 21 partite (una in meno del Pisa) ed hanno raccolto 21 punti, media esatta di un punto a partita, hanno vinto solamente tre partite e tutte in trasferta confermando una gran “pareggite” con ben 12 incontri finiti in equilibrio mentre i casi in cui è arrivata la sconfitta sono stati 6.

L’Alessandria è il terzo peggior attacco del campionato con sole 17 reti segnate mentre sono 25 quelle subite, la squadra piemontese è reduce dal 2-2 di Lucca dove si è fatta rimontare all’ultimo minuto un iniziale doppio vantaggio. In questa gara l’assistente di Mister D’Agostino è stato colpito da una testata del tecnico rossonero Favarin dopo una provocazione pesante con tanto di sputo, azione che è costata al suddetto assistente 5 giornate di squalifica sinonimo di un’aria sicuramente pesante tra l’ambiente piemontese. Nella gara d’andata all’Arena il 7 Ottobre la partita terminò con uno scialbo 0-0 anche se tra le due squadre furono sicuramente i nerazzurri a creare le occasioni migliori purtroppo poi non concretizzate.