Nella 32^ giornata del girone A di Serie C i nerazzurri sono attesi da una sfida che probabilmente ci dirà molto sul finale di questo campionato: Sabato sera infatti (ore 20.30) arriverà all’Arena la Carrarese, una delle squadre più pazze e oggettivamente forti di questo girone. Se i marmiferi in questo campionato sono stati praticamente sempre davanti al Pisa, adesso i nerazzurri, grazie alle ultime ottime partite, hanno raggiunto a quota 50 punti e con lo stesso numero di partite giocate i gialloblu ad un momentaneo 5° posto condiviso anche con l’Arezzo.

Insomma la gara sarà importantissima, oltre che per il blasone visto che si gioca comunque un derby, anche per la classifica perchè un’eventuale vittoria potrebbe far pendere da una parte o dall’altra questo finale di stagione in cui il Pisa sta fino ad ora facendo una grande rimonta. La squadra che Mister D’Angelo si troverà di fronte però è una mina vagante incredibile: se i gialloblu hanno segnato 56 reti nelle 30 partite giocate (uno dei migliori attacchi d’Europa) è anche vero che la squadra di Baldini ne ha subiti 40 facendo meglio solamente dell’Arzachena in tutto il girone. Insomma la filosofia di questa squadra è “difendere attaccando” una tattica che i nerazzurri, visto anche il ritrovato equilibrio difensivo, dovranno studiare bene per evitare spiacevoli sorprese e provare a vendicare quel pesante 4-1 della gara di andata in cui i gialloblu avevano nettamente sovrastato i nerazzurri in ogni zona del campo.

La Carrarese di Mister Baldini solitamente gioca le proprie partite utilizzando un 4-2-3-1: tra i pali ci sarebbe il portiere Mazzini che però nell’ultima gara è stato espulso dunque contro i nerazzurri sarà probabile vedere in porta Borra. La difesa titolare dei marmiferi è composta da Karkalis a destra con Scaglia a sinistra mentre al centro della difesa giocano Luca Ricci e Carissoni. Nei due in mediana figurano solitamente Varone e Cardoselli mentre passando al reparto più offensivo troviamo il “pisano” Biasci come trequartista con ai suoi lati Bentivegna a destra ed uno tra Tavano e Valente a sinistra. Tutto questo a supporto dell’unico attaccante di ruolo che complice l’infortunio di Caccavallo è da molte partite l’espero Maccarone, insomma non è una sorpresa che questa squadra abbia il miglior attacco del girone.

Passando invece ai numeri di questo campionato possiamo notare come la Carrarese sia una squadra che si trova sicuramente meglio in casa al contrario del Pisa che in questa stagione si è comportato meglio in trasferta sin qui. Lontano dallo stadio “Dei Marmi” i gialloblu nelle 14 partite giocate hanno portato in cascina 19 punti frutto di 5 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte: insomma un ruolino di marcia discreto ma non eccezionale come invece la squadra di Baldini ha in casa (31 punti in 16 gare). Fuori casa la Carrarese ha segnato 23 reti ma ne ha pure subite 22 e spesso ha avuto qualche passo falso inaspettato perdendo anche in campi in cui era favorita (ad esempio l’ultima sconfitta è arrivata per 3-1 ad Olbia). Insomma una squadra altalenante che a seconda della giornata può esaltarsi ma anche andare in difficoltà, starà ai nerazzurri cercare di confermare quanto di buono fatto vedere negli ultimi due mesi per provare a fare il cambio di passo definitivo e vendicare la gara dell’andata dove veramente forse si è toccato il punto più basso della stagione con una squadra in totale balia degli avversari e con un 4-1 finale che probabilmente andò pure stretto ai gialloblu.

Scheda Carrarese

Posizione: 5° | Punti fatti: 50 | Gare giocate: 30 | Vittorie: 15 | Pareggi: 5 | Sconfitte: 10 | Gol segnati: 56 | Gol subiti: 40

In casa – Punti fatti: 31 | Gare giocate: 16  | Vittore: 10 | Pareggi: 1 | Sconfitte: 5 | Gol segnati: 33 | Gol subiti: 18

Fuori casa– Punt fatti: 19 | Gare giocate: 14 | Vittorie: 5 | Pareggi: 4 | Sconfitte: 5| Gol segnati: 23 | Gol subiti: 22

Migliori realizzatori: Tavano con 18 reti, Caccavallo con 12 reti, Maccarone e Piscopo con 7 reti.