Presto lavoreranno in team di ricerca internazionali e saranno chiamati a condividere i risultati dei loro studi e le loro scoperte con il pubblico più ampio. Per farlo serve una grande preparazione scientifica, ma questa da sola non basta: i dottorandi dell’Università di Pisa si preparano a diventare ricercatori di successo frequentando il corso di “Academic English for PhDs” organizzato dal CLI, il Centro Linguistico d’Ateneo, e tenuto da Joanne Spataro, un’iniziativa che nell’edizione 2019 ha coinvolto 233 partecipanti, per un totale di 8 corsi di 30 ore di lezione ciascuno.

Il corso è partito come progetto pilota nel 2015 soltanto per alcuni dottorati ma, su impulso dell’Ateneo, è stato esteso ai corsi di tutte le aree disciplinari: «Ci è sembrato opportuno rendere il corso di Academic English una tappa necessaria nel percorso formativo di tutti gli studenti del primo anno di PhD – commenta Marcella Aglietti, delegata del rettore per i dottorati di ricerca – I nostri allievi hanno così la possibilità di acquisire strumenti e competenze che, unite alla loro ottima preparazione scientifica, li aiuteranno ad affermarsi nel mondo della ricerca».

L’offerta formativa proposta dal CLI è finalizzata all’acquisizione della consapevolezza delle strutture linguistiche fondamentali per la scrittura e la pubblicazione di articoli scientifici in lingua inglese, nonché delle abilità linguistiche che sono necessarie in contesti accademici internazionali, come convegni, seminari e workshops. Ma non solo: «La particolarità del nostro corso – spiega Silvia Bruti, direttrice del CLI – è che si propone di fornire anche “soft skills”, competenze trasversali alla mera conoscenza della lingua inglese: i ragazzi imparano a lavorare in team, a sviluppare pensiero critico, capacità sociali e creatività, confrontandosi costantemente con dottorandi del proprio settore scientifico e con quelli appartenenti ad altri ambiti disciplinari. Imparano inoltre ad affrontare la stesura di un manoscritto scientifico partendo da una costante analisi comparativa tra la propria lingua madre e la lingua inglese, tutte competenze indispensabili nella loro futura carriera di ricercatori».

Alla fine del corso i ragazzi sono chiamati a tenere una presentazione dei loro progetti di ricerca, mettendo in pratica ciò che hanno acquisito a lezione: «Chiarezza nell’esposizione, efficacia delle slide, ma anche postura, gestualità e capacità di coinvolgemento del pubblico sono gli elementi che i ragazzi devono saper gestire al meglio in questa occasione – aggiunge Joanne Spataro – È affascinante accompagnare in questo percorso i dottorandi, che vivono questa esperienza con molto entusiasmo e partecipazione».