Il 4 Maggio 2019 a Ponsacco si terrà la quarta edizione del Social Day, evento organizzato grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione comunale, l’Istituto Comprensivo L. Niccolini e l’Associazione Fratelli dell’Uomo.

L’evento sarà all’insegna del volontariato e della solidarietà e vedrà gli studenti delle scuole impegnati nella condivisione di giochi, manufatti ed oggetti allo scopo di raccogliere fondi e sostenere progetti di cooperazione nazionale e internazionale, nello specifico: un progetto a sostegno degli orti scolastici in Perù, il recupero bambini soldato in Colombia con associazione NATS PER e il Recupero ragazzi sottoposti a detenzione in Sicilia da Libera.

A partire dalle 9,30 le strade del centro storico (Corso Matteotti e piazza San Giovanni) si riempiranno di bambini e ragazzi dalla scuola dell’infanzia alle scuole medie e le loro famiglie per fare festa tutti insieme.

L’evento rappresenta il momento conclusivo di un percorso laboratoriale sui temi di cittadinanza attiva, diritti, pace e giustizia che ha coinvolto una ventina di classi dell’Istituto, progetto nazionale “Social Day: nuovi cittadini dal locale al globale”, finanziato dall’Agenzia Italiana di Cooperazione allo Sviluppo e gestito in Toscana dall’Associazione Fratelli dell’Uomo, con il sostegno del Comune di Ponsacco.

All’Interno della scuola il Social Day costituisce il percorso di accoglienza, integrazione e pace che rientra all’interno di tutte quelle iniziative formative del curriculum di cittadinanza e costituzione che l’Istituto scolastico porta avanti da anni.

Novità di quest’anno sarà l’inaugurazione alle ore 12.00 presso casa giardini della mostra “Il giro del mondo in 80 maglie”, nata da un’idea del giornalista Saverio Bargagna e della sua famiglia, che esporrà le maglie provenienti da tutti i cinque continenti, raccolte negli ultimi mesi attraverso una catena di amicizia e solidarietà con numerose nazioni.

La cittadinanza è invitata a partecipare.

Presenti alla conferenza stampa: la preside Maura Biasci, l’insegnante Barbara Pandolfini in qualità di funzione strumentale all’intercultura, Gaia Colombo e a tutta l’associazione Fratelli dell’uomo, Saverio Bargagna.