Una borraccia in alluminio per l’acqua o altre bevande è il dono che l’amministrazione comunale ha voluto fare ai ragazzi delle scuole medie dei due Istituti comprensivi cittadini “Sacchetti” e “Buonarroti”, per promuovere il progetto “plastic free”. Il progetto, finanziato interamente dal Gruppo Biokimica, ha l’obiettivo di sensibilizzare gli alunni e le loro famiglie all’utilizzo di borracce in alluminio personalizzate, affinché vengano utilizzate in sostituzione delle bottiglie in plastica monouso da mezzo litro, quelle che solitamente vengono portate a scuola nello zainetto per la merenda o il pranzo. A consegnare le borracce a tre classi delle scuole medie di San Miniato, questa mattina in una Sala del Consiglio gremita di studenti, sono stati gli amministratori insieme a Marcella Peruzzi team manager del Gruppo Biokimica che ha finanziato il progetto.

L’introduzione dell’utilizzo della borraccia nella vita quotidiana degli alunni (a scuola, ma anche durante le attività sportive, al parco, in viaggio, in occasione di una passeggiata etc.) genererà una tangibile riduzione della quantità di bottiglie vuote nei rifiuti, contribuendo attivamente alla salvaguardia dell’ecosistema. Formare ed informare le nuove generazioni è importante perché i bambini saranno i cittadini di domani. Il progetto si pone l’obiettivo di educarli a comportamenti virtuosi, che non incidano negativamente sull’ecosistema alterandone gli equilibri, nel tentativo di arginare fenomeni preoccupanti come i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità e l’inquinamento dell’aria, degli oceani e della terra ormai drammaticamente incombenti.
Al termine della consegna il sindaco ha voluto donare alla scuola una medaglia in argento, come ringraziamento per le buone pratiche ambientali promosse.