In un anno nelle strade e piazze di Pisa sono state allestite 11.500 nuove fioriture divise in 9.160 piante stagionali e 2.298 a impianto arbustivo, per un investimento complessivo di 200mila euro, compresi interventi strutturali e investimenti in impianti di irrigazione come il nuovo pozzo in piazza della Stazione. Nel complesso, in dodici mesi il Comune di Pisa ha stanziato 2 milioni e 252mila euro in opere a verde, cifra che prima veniva spesa nell’arco di tre anni.Sono alcuni dei dati resi noti nel corso di un Workshop di progettazione urbanistica organizzato dalla città di Grado insieme all’Università di Trieste in cui il Comune di Pisa era stato invitato come esempio virtuoso.

In questi mesi sono stati riqualificati molti spazi verdi in città e sul litorale: piazza della Stazione, viale Gramsci, via Ulisse Dini e Consoli del Mare, piazza Mazzini, piazza D’Ancona, piazza Don Minzoni, piazza Santa Caterina, piazza Belvedere a Tirrenia, la via Litoranea a Marina, le aiuole spartitraffico in via dei Fiori e a Tirrenia. A partire da settembre sono in programma i lavori di decorso urbano in piazza delle Baleari a Marina. Inoltre, sono in fase di avvio progetti per la riqualificazione dell’intera piazza Belvedere con via dei Fiori (intervento di oltre 500mila) e per la sistemazione delle rotatorie stradali principali (intervento di 500mila euro). Entrambi lavori partiranno a settembre. Dopo l’estate, in programma anche la sistemazione di piazza Vittorio Emanuele, con un restyling del verde che prevede una spesa di 30mila euro.

Inoltre, gli uffici comunali stanno predisponendo un progetto di “raggi verdi” che dalla Stazione entrano dentro il centro storico, fino a Borgo Largo e Borgo Stretto e in direzione via Santa Maria, così da accrescere ed estendere il concetto del decoro urbano dentro l’asse pedonale del centro, con un progetto strutturato ed omogeneo. Intanto, sono già state posizionate sei nuove fioriere sull’asse Corso Italia- Borgo (per un investimento 10 mila euro).

«Ma gli investimenti non finiscono qua – commenta Raffaele Latrofa, assessore ai lavori pubblici e verde pubblico -. A tutto ciò dobbiamo aggiungere che per il nuovo Global service del verde, che scade a fine anno, saranno messi in campo 2 milioni e 770 mila euro, a fronte di 1 milione 600 mila attualmente destinato al contratto del Global. A settembre, quindi, andremo in gara con importo maggiorato di 1 milione di euro, sia perché sono aumentati i metri quadrati di verde e di parchi da gestire (per cui tutto quello che oggi investiamo, domani lo troveremo da gestire nel global service, come manutenzione), sia perché la nostra Amministrazione ha deciso di assegnare maggiore attenzione e risorse nel decoro urbano, nella manutenzione del verde e nel rinnovo arboreo».

Il territorio della Comune di Pisa ha una superficie di 187,10 kmq. di cui soltanto circa il 15,5% corrisponde all’aggregato urbano mentre il restante 84,5% risulta terreno non edificato, costituito dal Parco Naturale Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli con una superficie di 127,99 Kmq; dalle aree agricolo periurbane con una superficie di 4 Kmq.; dall’aeroportocon una superficie di 26,21 Kmq.

Il bosco di proprietà del Comune di Pisa si estende su una superficie di 7,43 Kmq. e dispone di circa 80.000 alberature costituite da pinete di pino marittimo e domestico, leccete, macchia mediterranea e boschi planiziali di latifoglie mesoigrofile. Il verde pubblico urbano di proprietà del Comune di Pisa ha una superficie di 116,73 ettari, di cui i parchi a verde pubblico attrezzati a disposizione dei cittadini sono 51 per una superficie di 33,60 ettari oltre alle altre 39 aree a verde non attrezzato di superficie di 15 ettari.