Con dieci voti a favore e quattro contrari il consiglio comunale di San Miniato ha preso atto dell’accordo approvato dalla Giunta con cui si prevede una diversa modalità di pagamento del lodo arbitrale relativo alla convenzione project stipulata e poi risolta tra il Comune di San Miniato la San Miniato Gestioni srl. Il pagamento non sarà più triennale, come approvato nel consiglio comunale del 29 marzo scorso, ma diventa biennale, consentendo la riduzione degli interessi. Questo è stato possibile grazie ad un percorso di trattativa che ha portato le parti a raggiungere un accordo che, oltre ad un pagamento rateizzato, ha permesso all’Ente anche la restituzione dei beni in gestione: i parcheggi, non più in gestione dal 2005, che torneranno al Comune appena concluso un ulteriore accordo con Unipark e l’Hotel San Miniato con il pagamento della terza rata, previsto per dicembre 2020. L’importo complessivo che l’Ente deve pagare ammonta a 7.746.505,53 euro ed è suddiviso in tre parti: la prima rata (2.351.499,69 euro) è stata pagata a luglio, la seconda (3.011.570,32) sarà saldata a settembre 2019 e la terza a dicembre 2020 (2.383.435,52 euro).

Nel frattempo prosegue il ricorso in appello presentato dal Comune, ad oggi fissato a maggio 2021, e per il quale l’Ente chiederà un anticipo dell’udienza.

A tre giorni dal mio insediamento la San Miniato Gestioni srl ha notificato il pignoramento delle casse comunali, necessarie per la vita dell’Ente, bloccando ogni possibilità di pagamento, se non per spese obbligatorie – spiega il sindaco di San Miniato Simone Giglioli -. A questo punto la via dell’accordo è stata necessaria e ci ha permesso di poter rateizzare l’importo da pagare, invece di saldare in un’unica volta, limitando anche gli interessi che sarebbero cresciuti in maniera importante, e dandoci la possibilità di avere lo sblocco immediato delle casse comunali. Stiamo definendo l’accordo con Unipark e contiamo di entrare al più presto di nuovo in possesso dei parcheggi, mentre l’ascensore della Valle del Cencione tornerà al Comune alla fine di luglio e l’Hotel San Miniato al momento del saldo, non dimenticando che sono già nella disponibilità del patrimonio comunale le opere già realizzate, a suo tempo, dal concessionario come la ristrutturazione dell’Hotel San Miniato e del relativo Auditorium, le case destinate ad edilizia residenziale agevolata a San Romano, il parcheggio di Pian delle Fornaci e un primo stralcio dell’ampliamento del parcheggio del Cencione – e conclude -. Con questa operazione ci avviamo verso la risoluzione di una vicenda complessa, iniziata quasi 15 anni fa, senza tuttavia compromettere il bilancio e la programmazione dell’Ente, e garantendo comunque l’erogazione dei servizi, come fatto in tutti questi anni”.