Ieri sera dagli studi di PisainVideo è andata in onda la sesta puntata stagionale di “Eoraparloio“. Uno degli ospiti telefonici di Giovanni e Riccardo è stato Davide Marchiol, responsabile della testata giornalistica Tuttovenezia.it. Il giornalista veneziano si è soffermato sull’analisi del pareggio di sabato scorso del Pisa in laguna: “I nerazzurri hanno fatto molto meglio del Venezia fino al gol. Gli arancioneroverdi credo che siano stati fortunati in occasione dell’autogol e dell’espulsione di Benedetti“. “Vista dal punto di vista del Pisa – prosegue – secondo me sono due punti persi. Il Venezia una volta in superiorità numerica avrebbe dovuto fare di più“.

Questa Serie B è molto livellata al momento. Basti pensare al 3-0 del Pordenone al Frosinone nella gara d’esordio. Sicuramente le neopromosse hanno la spinta dell’entusiasmo alle spalle: prima di metà stagione non credo che ci saranno certezze“, sottolinea Marchiol. “Al momento il difetto più grande del Venezia è la poca scelta negli uomini – spiega il giornalista veneziano – mister Dionisi gira 14-15 giocatori da inizio campionato. C’è bisogno di qualcosa in più per riuscire a raggiungere la salvezza in tranquillità, senza fare rincorse ai playout come nella passata stagione”.

Il divario di prestazioni e punti della squadra fra partite casalinghe e trasferte è lampante – afferma Marchiol – in casa, quando le avversarie si chiudono e gli spazi si ingolfano, manca l’ariete centrale in grado di fare da sponda ai compagni. Quando invece il Venezia gioca fuori i calciatori riescono ad avere maggiori spazi nei quali colpire“. “In ogni caso credo che gli arancioneroverdi abbiano fatto vedere degli ottimi sprazzi di gioco – conclude – sono partiti subito bene, nonostante lo “zero” nella casella delle vittorie casalinghe. Sicuramente, dall’altra parte, la delusione più grande è il Frosinone“.