La stagione 2020 di Molina mon amour è alle porte. E inizierà con due eventi ancora “di qua”, nel 2019: il 20 ottobre, la nostra associazione parteciperà alla Festa della castagna, un appuntamento in grado di richiamare migliaia di persone da tutto il lungomonte e dalla città e che mette Molina di Quosa al centro dell’area pisana per un giorno. Saremo presenti con un nostro spazio, contrassegnato dal classico striscione, che condivideremo con MdS editore, casa editrice di amici e compagni di viaggio con cui ci càpita di condividere cose belle. Il secondo evento è in programma il 15 dicembre, vale a dire il tradizionale pranzo dell’associazione all’ex asilo nella Buca, “Bonjour l’hiver”.

La Festa della castagna del 20 ottobre sarà una valida occasione per incontrare il pubblico e divulgare il programma del 2020, che inizierà ufficialmente il 4 gennaio con l’inaugurazione della biblioteca nella sede della Soms, la Società operaia di mutuo soccorso. La biblioteca di Molina mon amour, che presto avrà anche un nome, nella nostra mente dovrà essere un luogo “garbato” di condivisione e aggregazione sociale e intergenerazionale.

Da gennaio ad aprile (che forse sconfinerà di poco a maggio), abbiamo previsto il ritorno in grande stile del teatro “garbato” in uno dei luoghi più suggestivi del paese: il Magazzino di Antonio in piazza Martiri della Romagna. Quattro spettacoli di cui presto diremo tutto e che quest’anno proporremo con il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme.

Altra novità del 2020, lo spostamento al 6 giugno del concorso “Le dolci Covinelle”, che nel 2019 abbiamo unito al ballo di fine estate nel giardino pubblico preso in adozione dalla nostra associazione.

Il 2 agosto spazio alla classica cena dell’estate, mentre il 29, come detto, il Ballo delle Covinelle per salutare l’anno “artistico” dell’associazione.

Nel mese di luglio ci sarà spazio molto probabilmente per un altro evento, oltre alle varie iniziative che potranno aver luogo e che avremo cura di comunicare di volta in volta.