Nella tarda nottata di venerdì scorso nell’ambito del servizio volto al monitoraggio del fenomeno della “Movida” sono stati svolti significativi servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nel centro cittadino che hanno portato all’arresto ad opera della Polizia di Stato di due persone.
Intorno alle ore 23.00 personale in abiti civili della Squadra Mobile individuavano un soggetto sospetto che si aggirava nelle vie limitrofe di piazza delle Vettovaglie. L’uomo, un tunisino di 35 anni vistosi accerchiato dagli Agenti, ha tentato di scappare a piedi verso il Lungarno ma è stato bloccato al termine di un breve inseguimento dai poliziotti che lo hanno fermato e portato in Questura per accertamenti.
Al termine del fotosegnalamento è emerso che lo stesso, spacciatore pluripregiudicato, doveva scontare ben quattro condanne per un totale di 4 anni e sette mesi di reclusione, per reati connessi alla cessione di sostanze stupefacenti, di tipo Cocaina e eroina, tutti commessi tra la zona della stazione Centrale e Piazza delle Vettovaglie tra il 2012 ed il 2018.
Compiute le formalità di rito lo stesso è stato associato presso la locale Casa Circondariale Don Bosco di Pisa.
Ma le attività della Polizia di Stato sono tuttavia proseguite fino a tarda notte, infatti intorno alle 02.00 di notte gli Uomini della Squadra Mobile hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso una abitazione nella prima periferia sud della città ove nei giorni scorsi alcuni residenti avevano segnalato movimenti sospetti.
A seguito di un appostamento, gli Agenti hanno deciso di intervenire facendo ingresso all’interno dell’abitazione all’interno della quale hanno trovato un italiano di 46 anni, incensurato; a seguito della perquisizione i poliziotti hanno rinvenuto dentro un comodino 60 grammi di hashish già confezionati in dosi di piccolo e medio taglio.
Il rinvenimento, a fianco della sostanza stupefacente, di un bilancino di precisione , confermava che la detenzione era finalizzata allo spaccio sulla piazza pisana.
L’uomo, che durante le fasi dell’attività ha tentato di usare violenza contro gli operatori, è stato tratto in arresto per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale e anche lui accompagnato al carcere Don Bosco.
Nel corso della giornata è stato anche espulso un cittadino straniero non in regola con le norme del soggiorno in Italia identificato in questo centro storico.