Dal 3 febbraio fino al 12 aprile, le classi della scuole primarie che hanno aderito al progetto “Scarty – La raccolta differenziata giocando” per l’anno scolastico 2019-2020, parteciperanno al concorso a premi “Comportamenti virtuosi”, a cui hanno aderito 5 Istituti Comprensivi (Fibonacci, Fucini, Gamerra, N. Pisano, Galilei), 12 plessi e 50 classi per un totale di 1078 alunni.

Il progetto di educazione ambientale promosso e finanziato dal Comune di Pisa, e realizzato in collaborazione con il personale Geofor, coinvolge gli alunni delle classi III, IV e V delle scuole primarie del Comune di Pisa che hanno aderito al progetto Scarty in una serie di “comportamenti virtuosi”, basati sulla corretta differenziazione dei rifiuti, che hanno lo scopo di coinvolgere attivamente le famiglie e gli amici degli alunni affinché il processo educativo possa estendersi anche a questi.

Per gli alunni che partecipano al progetto sarà dunque obbligatorio giocare a Scarty non solo a scuola, ma anche a casa con familiari ed amici, recarsi con un genitore alla scoperta dei centri di raccolta o delle stazioni ecologiche automatizzate e conferire materiali (come ingombranti, oli vegetali, farmaci scaduti, pile esaurite, toner, raee) oppure conferire un imballaggio in vetro all’interno di una campana stradale o ancora ai cassonetti elettronici con tessera. Il tutto dovrà essere documentato da un selfie in cui si deduce il comportamento virtuoso.

Sono previsti premi per i plessi scolastici più virtuosi tra quelli che hanno aderito sin dall’inizio a Scarty, e per le 4 classi più virtuose con festa finale di premiazione, consegna degli attestati e dei premi nel mese di maggio. In particolare, i plessi vincitori riceveranno panchine in plastica riciclata ottenute grazie alla raccolta del multimateriale leggero. Le quattro classi più virtuose otterranno gadget di vario tipo e parteciperanno ad una giornata ecologica con visite guidate al centro di raccolta a Putignano, all’impianto di selezione della carta e all’impianto di trattamento di Geofor a Pontedera. Il regolamento del gioco e tutte le informazioni utili relative all’orario di apertura dei centri di raccolta sono disponibili sul sito di Geofor, nella sezione “Geofor scuola”.

Tra le azioni per migliorare la qualità della raccolta differenziata, i progetti di educazione ambientale basati sul gioco e sul coinvolgimento rivestono un ruolo fondamentale. Il gioco innesca sui ragazzi meccanismi virtuosi e competitivi – spiega l’assessore all’ambiente Filippo Bedini – che sono utili a diffondere le regole per conferire correttamente i rifiuti e fornisce la possibilità ai bambini e alle scuole di fare da cassa di risonanza verso le famiglie, in modo da veicolare in tutte le case la cultura del rispetto dell’ambiente e l’attenzione ad eseguire una corretta raccolta differenziata. Per riuscire a rendere Pisa più pulita, puntiamo molto non solo su controllo e repressione, dunque, ma anche sulla prevenzione, consapevoli che si tratta di strategie che danno risultati a più lungo termine, ma non per questo meno importanti“.