Pisa rende omaggio al grande scienziato Galileo Galilei, per ricordare il giorno della nascita, avvenuta a Pisa il 15 febbraio 1564. In programma concerti di musica antica, spettacoli, mostre, convegni e incontri scientifici, a cura del Comune di Pisa, Università di Pisa, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna e altre istituzioni e associazioni cittadine altri. A ogni evento in programma sarà anche distribuito uno speciale cioccolatino, realizzato per l’occasione, a forma di luna con i crateri, in omaggio al grande scienziato.

Dopo l’edizione zero dello scorso anno, si rinnova per il 2020 l’appuntamento con il cartellone di eventi denominato “Giornata Galileiana” dal 13 al 16 febbraio, una rassegna corale di eventi che si snoda nei luoghi più importanti della città. Tante occasioni per conoscere aspetti noti e meno noti di Galileo, che a Pisa visse gli anni della formazione, e della città. Tutti gli eventi aperti al pubblico sono gratuiti.

«L’anno scorso – spiega l’assessore al turismo Paolo Pesciatini – in occasione del giorno della nascita di Galileo Galilei, il 15 febbraio, abbiamo organizzato una serie di eventi che hanno riscontrato grande successo. In quella occasione annunciai che avremmo rilanciato la tradizione dei festeggiamenti in onore del nostro illustre concittadino. È stato l’anno zero e abbiamo mantenuto la promessa: quest’anno sono previste addirittura quattro giornate dedicate a Galileo, che, non bisogna dimenticare, non fu solo il grande scienziato, padre del metodo sperimentale, sostenitore del sistema eliocentrico ma anche grande umanista. Nato a Pisa nel 1564 in un ambiente familiare e culturale stimolante, con un padre, Vincenzo, valente compositore e teorico della musica Galileo fu musicista egli stesso; nutriva una spiccata passione per le arti figurative, tanto che il grande storico dell’arte Panofsky lo ha indicato addirittura come uno dei maggiori critici d’arte del ‘600; poeta, letterato, declamava i classici latini a memoria, amava Ariosto, conosceva perfettamente Dante e dedicò due lezioni nel 1588 alla figura, sito e grandezza dell’inferno dantesco. Tutto ciò – conclude Pesciatini – per dire che, essendo Pisa città dei saperi scientifici e umanistici, abbiamo il dovere di ricordare e celebrare il grande pisano Galileo Galilei, conosciuto in tutto il mondo, come insigne testimone che la Cultura è una, e mai come in questo nostro tempo è necessario sostenere l’importanza della conoscenza sia umanistica che scientifico-tecnologica per il nostro progresso e il nostro futuro».

«L’Università di Pisa – sottolinea Chiara Bodei, presidente del Sistema Museale di Ateneo, – come l’anno passato ha aderito con entusiasmo, ideando una serie di iniziative per ripercorrere l’itinerario culturale e tecnologico che dai primi studi di acustica musicale condotti da Vincenzo e Galileo Galilei giunge alle avanguardie musicali del secondo ‘900 e alle contemporanee e sofisticate tecnologie impiegate negli assistenti vocali. Più nel dettaglio, il Museo degli Strumenti di Fisica, la Ludoteca Scientifica e il Museo degli Strumenti per il Calcolo proporranno alla Cittadella Galileiana, nella mattinata, un percorso didattico-esperienziale per le scuole. Nel pomeriggio, al Polo Le Benedettine, storici della scienza, della musica ed esponenti della ricerca accademica e di impresa dialogheranno su musica, scienza e tecnologie. Successivamente, al Museo della Grafica, verrà inaugurata una mostra dedicata alle immagini galileiane nell’arte. La giornata si concluderà al Palazzo della Sapienza, con il concerto organizzato dal Centro per la Diffusione della Cultura e della Pratica Musicale di Ateneo, nel quale si esibiranno il Coro Vincenzo Galilei della Scuola Normale Superiore e l’Orchestra dell’Università di Pisa».

Il programma

 

Giovedì 13 febbraio ore 21 Spettacolo teatrale al Teatro Nuovo “Gal y Leo Dialogo semiserio intorno alla Scienza” di Dario Focardi (con Dario Focardi e Iacopo Bertoni, illustrazioni di Paolo Cioni).

 

Venerdì 14 febbraio ore 10 Spazio espositivo Logge di Banchi Apertura della Mostra del I Concorso Galileo Galilei.

Teatro Nuovo ore 11 “Le invenzioni di Galileo e Virginia” a cura di Binario Vivo, da un’idea di Mariano Dolci.

Chiesa della Spina ore 18:00 Videoinstallazione interattiva “Tech’s Moon” General Art Exhibition a cura di Inky Mind.

 

Sabato 15 febbraio

Mura di Pisa dalle 10 alle 15.30 Apertura straordinaria gratuita (ultimo ingresso alle 15:00).

Cittadella Galileiana (ingresso da via Bonanno Pisano 2/B) ore 10:30-12:30 Dopo i saluti delle autorità, “Musica e Scienza al tempo di Galileo, con anche un intervento musicale del Liceo Carducci.

Polo Le Benedettine ore 14:30-18:30 “Come funziona un Assistente Vocale” Dalla acustica musicale agli assistenti vocali: esperti a confronto.

Museo della Grafica – Palazzo Lanfranchi ore 19:00-20:30 Inaugurazione mostra: Immagini di Galileo a cura di Federico Tognoni.

Palazzo della Sapienza ore 21:00-22:30 Concerto Orchestra dell’Università di Pisa e del Coro “Vincenzo Galilei” della Scuola Normale Superiore, con musiche di Galilei, Zarlino, Respighi.

 

Domenica 16 febbraio

Palazzo Gambacorti ore 17 Proclamazione vincitori I Concorso Galileo Galilei Brindisi e festeggiamenti.

Chiesa del Carmine ore 21:00 Concerto dell’Ensemble vocale Stage di Musica Rinascimentale Pisa Early Music.

La Giornata Galileiana, coordinata dal Comune di Pisa, è organizzata insieme a Università di Pisa, con la collaborazione di Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna, Terre di Pisa, Camera di Commercio, Regione Toscana, Sistema Museale d’Ateneo, Centro per la Diffusione della Cultura e della Pratica Musicale dell’Università di Pisa, Biblioteca Universitaria di Pisa, Museo della Grafica, Coro Vincenzo Galilei, Orchestra Università di Pisa, Mura di Pisa, Fondazione Galileo Galilei, Museo degli Strumenti per il Calcolo, Museo degli Strumenti di Fisica, Ludoteca Scientifica, Pisa Early Music.