C’è da mettersi alle spalle un momento poco favorevole per il Pontedera, un 2020 caratterizzato da un solo successo – quello contro il Renate un mese fa- tre pareggi contro Olbia, Novara e Juventus U 23 e altrettante  sconfitte maturate a Carrara, Vercelli e la prima stagionale fra le mura amiche proprio una settimana fa contro la Giana Erminio. Di fronte c’è un Alessandria in ripresa, a testimonianza c’è la vittoria contro il Lecco maturata domenica scorsa, dopo un ottimo inizio di campionato i grigi hanno attraversato un lungo passaggio a vuoto costato la panchina al tecnico Scazzola, rilevato da Gregucci.

La compagine di Ivan Maraia sta pagando una condizione atletica non al top, anche per le numerose defezioni che hanno raggiunto l’apice domenica scorsa, a cui ha fatto seguito l’operazione di appendicite a cui si è dovuto sottoporre Serena in settimana. Per fortuna cresce la condizioni di Benassai e Bernardini mentre tornano a disposizione anche Caponi e Barba dopo il turno di squalifica, ristabilito anche Semprini e De Cenco, entrambi alle prese rispettivamente con i postumi di un attacco influenzale e problemi alla schiena. Nel consueto 3-5-2 maggiori possibilità di scelta per il tecnico granata ci saranno in difesa: dove tornano ad essere quattro i giocatori per due maglie, scelte più obbligate invece a centrocampo e in attacco.

Le probabili formazioni

Pontedera (3-5-2): Sarri; Benassai, Piana, Ropolo; Mezzoni, Bruzzo, Caponi, Barba, Visconti; De Cenco, Semprini. A disp. Bianchi, Cardelli, Cicagna, Bardini, Risaliti, Bernardini, Pavan, Giuliani, Fiscella, Offidani, Salvi. All. Maraia.

Alessandria (3-5-2): Valentini, Dossena, Cosenza, Prestia; Cleur, Suljic, Gazzi, Chiarello, Celia; Arrighini, Eusepi. A disp. Crisanto, Sciacca, Gigli, Martignago, Castellano, Di Quinzio, Sartore, Gerace, Gjura, Casarini, M’Hansi. All. Gregucci.

Arbitro: Samir Kumara di Verona. (Cerilli-Pressato).