Mercoledì sera dagli studi di PisainVideo è andata in onda la ventitreesima puntata stagionale di “Eoraparloio“. Insieme a Giovanni e Riccardo, per commentare il momento del Pisa e la prossima partita a Empoli, era presente anche Simone Galli, giornalista di Pianeta Empoli. “Gli azzurri stanno venendo fuori grazie alla cura di Pasquale Marino, che ha impostato un gioco totalmente differente rispetto al passato – spiega – adesso l’Empoli gioca con il 4-3-3, un modulo più consono alle caratteristiche dei calciatori in rosa. Nelle ultime due partite la squadra mostrato grossi miglioramenti nella fase offensiva, il tallone d’achille da inizio stagione“. “La classifica rimane comunque cortissima e molto compatta. Con 30 punti l’Empoli si ritrova ancora a tre punti dai playoff e dai playout, una situazione che per le ambizioni e gli obiettivi dichiarati a inizio stagione non può soddisfare” sottolinea Galli.

A inizio stagione si è commesso il grave errore di supponenza – commenta Simone Galli – partendo dal presupposto che l’Empoli era retrocesso dalla Serie A, molti pensavano che sarebbe bastato il nome per spaventare gli avversari. E invece sono arrivati schiaffi in ripetizione che hanno fatto capire che fosse necessario un cambio di mentalità. Adesso nell’ambiente c’è la sensazione che qualcosa sia cambiato“.

In casa azzurra c’è la volontà di proseguire la striscia vincente contro il Pisa, ma c’è anche la consapevolezza che arriva al “Castellani” una formazione in salute, che ha un impianto di gioco ben delineato. Molto spesso giocano i calciatori della precedente stagione, che sanno interpretare alla perfezione i concetti di Luca D’Angelo – conclude Simone Galli – a centrocampo giocherà Stulac in cabina di regia, che nelle ultime settimane ha perso il posto da titolare. In attacco invece le cose hanno iniziato a girare meglio: Tutino si è già guadagnato il posto da titolare perché è un attaccante di grande forza a cui abbina una qualità di primo livello“.