Quella di  stasera alle ore 21 sarà la prima volta nella storia calcistica che i nerazzurri metteranno piede sul terreno di gioco dello “Scida” di Crotone. Mai infatti si erano incontrate prima in gare ufficiali le due formazioni tra i vari campionati. L’unico precedente assoluto resta dunque l’1-1 maturato all’Arena dell’andata con le reti di De Vitis e Golemic.

Visto che non ci sono precedenti in Calabria andiamo a ripercorrere a grandi linee la storia del Crotone che negli ultimi anni sta sempre più affermandosi come realtà calcistica importante con anche 2 recentissimi anni di Serie A alle spalle.

Il Crotone nasce nel 1910 con il nome di Società Sportiva Crotona poi modificato in Unione Sportiva Crotone. Nella prima parte della sua storia addirittura sino al 1960 i calabresi non superano mai la soglia della Serie D giocando sempre nelle serie non professionistiche tra Eccellenza e IV Serie senza contare una precedente apparizione nella C che però durante il secondo dopo guerra era relativa solamente al Sud Italia e quindi non è da contare come Serie C ufficiale.

Dal 1960 in poi i calabresi fanno sempre su e giù tra la C e la D, una svolta ancora più negativa arriva nel 78 quando i calabresi retrocedono dalla C1 alla C2 e l’anno successivo direttamente ancora in Serie D fallendo nel 1979 e venendo re-iscritta alla Prima Categoria Calabrese con il nuovo nome AS Crotone.

Sino al 1984 i rossoblu giocano esclusivamente nelle serie inferiori venendo poi promossi nuovamente in Serie C2 dove però retrocederanno subito l’anno successivo tornando nel Campionato Interregionale. Il ritorno in C2 arriva nell’ ’87 dove i rossoblu staranno fino al 1991 anno di un nuovo fallimento che farà risprofondare i pitagorici in Promozione.

L’anno del nuovo ritorno in C2 è il 1997 e da qua in poi la storia dei calabresi sarà in netta ascesa: al primo anno di C2 i rossoblu centrano subito la promozione in C1 dove staranno di fatto solamente due stagioni prima di approdare per la prima volta ad una storica Serie B nel 2000.

Complice l’entrata in società della famiglia Vrenna il Crotone cambia radicalmente idea di calcio e di bacino d’utenza diventando di fatto una squadra affermata sul panorama calcistico italiano attuale: nel 2001 il Crotone cambia nome diventando FC Crotone così come è oggi.

In B i pitagorici staranno sino al 2002 prima di retroceder ancora in C1 dove i rossoblu giocano sempre da protagonisti e tornano infatti in Serie B solamente nel 2004 dopo aver vinto i playoff contro la Viterbese. Il Crotone retrocederà nuovamente in C1 nel 2007 prima di tornare ancora in B nel 2009 dopo aver vinto i playoff.

Da qua in poi i rossoblu non vedranno mai più la Serie C: tanti anni di tranquilla salvezza in B prima dell’apoteosi che arriva nella stagione 2015-16 quando i pitagorici arrivano 2° in campionato ottenendo la prima storia ed incredibile promozione in Serie A. Nella prima stagione nella massima serie il Crotone è artefice di un’incredibile rimonta che nel girone di ritorno vedrà la squadra di Mister Davide Nicola fare tantissimi punti e salvarsi all’ultima giornata ai danni dell’Empoli.

L’anno successivo nonostante sicuramente altre buone prestazioni il Crotone non riesce in un nuovo miracolo e retrocede tornando in Serie B dove la scorsa stagione i calabresi hanno chiuso con un tranquillo 12° posto. Nella stagione in corso, ancora in B, il Crotone punta sicuramente ai vertici della classifica per provare a tornare in quella A che prima della presidenza della famiglia Vrenna sembrava il più lontano dei sogni.