Qui Pisa

Bisognerà subito cercare di non pensare al fattore porte chiuse per provare a dare un senso di normalità ad una partita che già di suo di normale non ha niente, quest’anno ancora meno vista la situazione che si è creata a causa dell’emergenza coronavirus. Provando a parlare solo di calcio giocato i nerazzurri dovrebbero scendere in campo con il classico 4-3-1-2 griffato D’Angelo, assenti forzatamente Marin (2 giornate), Siega (1) e Belli (1) per squalifica. In panchina non ci sarà neanche il vice Taddei per le due giornate di squalifica subite post Crotone. Tra gli indisponibili per infortunio invece resta solamente il solito Varnier.

Tra i pali pronto come sempre Gori, davanti a lui ballottaggio sulla destra Birindelli-Pisano con il primo comunque recuperato e dunque favorito. Al centro la coppia difensiva sarà ancora quella composta da Caracciolo, apparso in grande crescita, e da Benedetti. Sulla sinistra dovrebbe tornare dal 1′ Lisi dopo due panchine consecutive che l’hanno fatto un po’ rifiatare.

Il centrocampo dovrebbe vedere, viste anche le varie squalifiche, quasi sicuramente protagonisti Gucher, De Vitis e Pinato con davanti a loro nel ruolo di trequartista Danilo Soddimo che di fatto tornerà a giocare all’Arena dopo un mese vista la squalifica di 3 giornate subita nella gara contro il Chievo di Febbraio. Il tandem d’attacco sarà sicuramente quello composto da Masucci e Marconi con il secondo che brama la rete per ri-sbloccarsi proprio nel derby. Non ci saranno i tifosi ma Pisa-Livorno rimane una partita vera, con un’importanza che va oltre la classifica a prescindere dal fatto che i 3 punti in palio sono fondamentali.

Qui Livorno

Gli amaranto stanno attraversando comunque un buon momento fatto di 4 punti conquistati nelle ultime due gare contro Chievo e Frosinone. Insomma non male per una squadra che sembrava ormai aver gettato completamente la spugna visto anche l’ultimo posto staccato in solitaria. Servirebbe un vero miracolo al Livorno per provare a salvarsi ma oggi potrebbe significare una svolta anche per la truppa di Breda per provare ad accendere quel lumicino di speranza che porterebbe l’entusiasmo di vincere il derby.

Il Livorno dovrebbe schierarsi con un 3-4-1-2 così composto: tra i pali pronto Plizzari, il tris difensivo invece dovrebbe vedere dal 1′ Di Gennaro con l’esperto Silvestre e Bogdan; davanti a loro in mezzo al campo da destra verso sinistra dovremmo veder schierati Del Prato, Agazzi, capitan Luci e Porcino.

Il trequartista sarà Marras, uno dei pochi che si è quasi sempre salvato con le sue prestazioni in questa annata così negativa per gli amaranto, che giocherà alle spalle d’attacco del tandem composto da Marsura e Franco Ferrari con il secondo arrivato a Gennaio e subito decisivo per le sorti del Livorno con il gol decisivo segnato nella vittoria di Verona contro il Chievo e con la rete segnata anche la scorsa sera contro il Frosinone.

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Gori, Birindelli, Caracciolo, Benedetti, Lisi; Gucher, De Vitis, Pinato; Soddimo; Masucci, Marconi. All. D’Angelo

Livorno (3-4-1-2): Plizzari, Di Gennaro, Silvestre, Bogdan; Del Prato, Agazzi, Luci, Porcino; Marras; Marsura, Ferrari. All. Breda

Arbitro: Livio Marinelli della sezione di Tivoli | Calcio d’inizio alle ore 18.00 all’Arena Garibaldi