Come annunciato venerdì, nella sede operativa di Geofor, località Navacchio, è stato accertato un caso di coronavirus. A scopo precauzionale, tra la giornata di veenrdì e quella di sabato sono salite ad otto le persone a cui è stato chiesto di porsi in quarantena preventiva, ovvero di rimanere a casa e di tenere sotto controllo il proprio stato (che attualmente non presenta i sintomi dell’influenza). Altri dipendenti della società sono risultati assenti per altri tipi di malessere, ma non per l’infezione da coronavirus.
L’azienda sta comunque portando avanti il proprio lavoro con grande impegno e senso di responsabilità della struttura e di tutto il personale, proseguendo il servizio su tutto il territorio.
Geofor darà la precedenza allo svolgimento della raccolta “porta a porta”, per poi proseguire nelle altre attività (ritiro ingombranti, ritiro domiciliare di sfalci e potature in alcuni territori coperti dal porta a porta, assistenza e pulizia delle piazzole, e simili), che comunque verranno recuperate al più presto, qualora non risultasse possibile svolgerle subito nella loro interezza.