Appena scoppiata l’emergenza da coronavirus tutti i centri diurni che ospitano disabili ed anziani sono stati subito chiusi e subito, per loro, sono stati attivati un monitoraggio costante e la possibilità di una assistenza domiciliare. Purtroppo, anche per la prossima cosiddetta Fase 2, cioè per la ripartenza, i Centri Diurni difficilmente potranno essere riaperti. Da qui la necessità di un utilizzo ancora maggiore delle nuove tecnologie per consentire così agli operatori di poter connettersi on line con i loro assistiti affinché possano continuare le varie terapie ed attività. Occorre però, in particolare, che gli operatori, i disabili, gli anziani e i loro familiari, siano formati il più presto possibile all’utilizzo di questi nuovi strumenti di comunicazione. Una quadro, quindi, di grande e forte preoccupazione. Questo è quanto è emerso nella riunione di lunedì scorso (è la quarta seduta dopo lo stop di tutte le attività del Consiglio Comunale decisa lo scorso 12 Marzo) della Commissione Politiche Sociali del Comune di Pisa. Il Presidente di questa Commissione consiliare è il consigliere Marcello Lazzeri (Lega), nella foto. Ad introdurre la riunione è stata la consigliera Maria Antonietta Scognamiglio (Pd) che aveva chiesto questa riunione. Sono interventi, tra gli altri, insieme ad alcuni rappresentai delle associazioni dei disabili e ad alcuni dipendenti della Società della salute,  l’assessore comunale alle politiche sociali e Presidente della Società della Salute, Gianni Gambaccini, l’assessore comunale alla pubblica istruzione Sandra Munno e la Garante delle persone disabili del Comune di Pisa, Lia Sacchini.

La prossima riunione della Commissione Politiche, convocata per oggi, mercoledì 29 Aprile, alle 17, sempre in videoconferenza sociali, affronterà questa volta l’emergenza abitativa in conseguenza della pandemia da coronavirus. Parteciperanno i sindacati degli inquilini.

La prossima settimana, infine, con una nuova e apposita riunione la Commissione Politiche Sociali, alla luce del piano “Riapri Pisa” il pacchetto d’introvertenti  annunciato dal Sindaco Michele Conti per la “Fase 2”, valuterà in concreto quali iniziative saranno possibili.