Quindicimila euro per le famiglie calcesane che si trovano in difficoltà a causa della situazione provocata dalla diffusione del Covid-19. E’la cifra donata al Comune di Calci dalla Fondazione Pisa che ha deciso di destinare questa somma ad integrazione delle risorse inviate dal Governo per finanziare i buoni spesa.

“Ringrazio la Fondazione Pisa – ha detto il Sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti – per il concreto sostegno destinato alla parte più bisognosa della nostra comunità. Grazie a queste risorse potremo potenziare la cifra a nostra disposizione destinata ai buoni alimentari. Così le persone più bisognose o che si trovano a fronteggiare una situazione critica a causa dell’emergenza Coronavirus potranno ricevere un ulteriore e concreto aiuto”

Intanto dal canto suo il Comune di Calci ha avviato lo scorso lunedì la seconda fase (nella prima sono stati aiutati 98 nuclei familiari, per un totale di 214 cittadini) per l’assegnazione dei buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari. E’ possibile la presentazione delle domande fino alle ore 12,00 di venerdì 24 aprile. Si stima di andare così pressoché ad esaurire – con questa seconda “mandata” – le risorse giunte dal Governo andando ad aiutare alcune altre decine di nuclei familiari (in due giorni più di 30 le nuove domande).

I 15.000 euro giunti dalla Fondazione Pisa, sommati ai 5.000 euro già stanziati dal bilancio comunale, daranno un ulteriore aiuto alle famiglie più in difficoltà che verrà erogato durante il mese di maggio.