“Drive in” di solidarietà e cartellone di eventi

Individuate già alcune possibili aree: Expo di Pisa, campi sportivi nell’area pisana e parco Agrifiera Raccolta fondi per beneficenza. Un drive in per non rinunciare al divertimento di un’arena estiva e per continuare a essere solidali. E’ l’idea del Kinzika Group messa nero su bianco in una proposta ai sindaci dell’area pisana per reperire spazi da attrezzare adeguatamente rispettando le norme di sicurezza e il distanziamento sociale anti-contagio ai tempi del coronavirus. La lettera – informano i rapprentanti del Kinzika Group – è già stata recapitata ai sindaci di Pisa, Calci, San Giuliano terme, Vicopisano, Vecchiano e Cascina e alcuni di loro hanno già offerto la loro disponibilità a promuovere eventi insieme al gruppo delle tifose nerazzurre attivissime con la voce sugli spalti dell’Arena e con il cuore quando si tratta di mettere in piedi iniziative di beneficenza. L’obiettivo del Kinzika group è infatti quello di allestire un mini cartellone estivo di serate all’insegna dello spettacolo e dell’intrattenimento individuando, insieme ai Comuni, spazi pubblici ampi dove montare un palco e far sostare decine di auto dove il pubblico può seguire lo show direttamente dall’abitacolo della vettura. Iniziative analoghe, del reso, sono già state annunciate nei giorni scorsi a Roma per svolgere concerti e show musicali proprio adottando la formula del drive in. Il gruppo ha già preso contatto con numerosi artisti (molti dei quali già partner di Kinzica negli appuntamenti benefici organizzati in passato e tutti pronti a esibirsi gratis) per ragionare su date e scalette degli show. Ai Comuni il gruppo chiede la disponibilità a individuare aree idonee e a collaborare nell’allestimento di un palco sul quale svolgere le esibizioni. Suggerite anche alcune possibili location come l’Area Expo di Pisa, il parco Agrifiera a San Giuliano e altri campi sportivi presenti nell’area pisana e, secondo Kinzica, idonei a trasformarsi per l’occasione in arene dove divertirsi convivendo (in sicurezza) con il virus. Già pronta – conclude il Kinzika Group – una lista di beneficiari degli incassi: la raccolta fondi per continuare a sostenere le cure della piccola Jo, come Anffas e altre attive nel sostegno ai disabili.