Opere stradali e lavori pubblici, per noi vanno fattiLa ripresa dei lavori pubblici, che ha subito uno pesantissimo stop anch’esso per il lockdown, nel caso in cui qualcuno non se ne fosse accorto, è quanto mai necessario per la salute dell’economia locale, anzi è indispensabile. Invitiamo tutti gli enti locali a procedere rapidamente, ovunque sia possibile con i lavori programmati e messi a bilancio” recita una nota della CNA di Pisa che prosegue: “L’economia locale ne ricava benefici diretti per il lavoro che riprende nel comparto costruzioni ed indiretti per il miglioramento delle infrastrutture. Tanto più in casi come questo della Sp 24 Arnaccio-Calci, che riguarda una strada molto deteriorata. L’appalto riguarda il solo tratto fra la SR 206 e lo svincolo della FiPiLi che non è coinvolto dai lavori e dove sono pochissime le attività o i residenti direttamente interessati. I lavori ci risulta saranno molto rapidi, concentrati in pochi giorni e se davvero si potrà vederne il completamento per il 12 giugno come annunciato, ci sarà solo da fare i complimenti a progettisti ed esecutori. Inoltre le informazioni sono state date con anticipo, sono stati previsti percorsi e viabilità alternative che davvero limitano i potenziali disagi perché le percorrenze sono analoghe e necessitano al massimo di pochi minuti in più. La segnaletica programmata è più che adeguata e posta nei giusti snodi ed ogni punto intermedio è comunque sempre raggiungibile e non rimane mai isolato. Per noi i lavori pubblici si possono e si devono fare e anzi sollecitiamo gli enti locali a procedere spediti ed impiegare le risorse disponibili, come abbiamo già avuto modo di scrivere con una posizione ufficiale poche settimane fa. Le nostre imprese sono pronte a dare il proprio contributo per veder marciare speditamente il programma di manutenzione straordinaria dei ponti e delle opere più importanti come la variante nord-est”.