In una situazione diversa da quella che abbiamo trascorso negli ultimi mesi con la grave emergenza epidemiologica che ha costretto al lockdown il nostro Paese, li avremmo potuti salutare direttamente nel nostro Comune.

Purtroppo il pericolo relativo alla diffusione del Covid, oltre ad annullare tutti gli eventi tradizionali e folkloristici del maggio calcinaiolo, ha imposto anche la chiusura delle frontiere europee.

Pertanto i cittadini e gli amministratori dei paesi-gemelli del nostro Comune, ovvero Amilly, Noves e Vilanova del Camì, non hanno potuto farci visita, come consuetudine, alla fine di maggio per celebrare tutti insieme la conclusione delle feste di Calcinaia.

Il 3 Giugno, ovvero quando le nuove disposizioni hanno di fatto riaperto le frontiere dell’Italia all’Europa, il primo cittadino del Comune di Calcinaia, Cristiano Alderigi, ha scritto ai colleghi sindaci di Amilly, Noves e Vilanova del Camì, rispettivamente Gerard Dupaty, Georges Jullien e Noemi Trucharte, dando appuntamento a loro e ai loro concittadini per i festeggiamenti del 2021 a Calcinaia. Oltre ad informare della situazione sul nostro territorio il Sindaco Alderigi ha inviato una foto di tutta la Giunta comunale riunita in Sala Orsini.

Nelle mani del primo cittadino un piccolo ma significativo omaggio istituzionale che ne richiama uno del recente passato e raffigura gli stemmi dei 4 comuni, la bandiera europea e lo slogan “L’Europa siamo noi” per salutare la fine (o almeno è quello che tutti ci auguriamo) di una brutta avventura che ha tenuto lontani Calcinaia dai suoi gemelli europei.