Le terme di San Giuliano riapriranno i battenti per la prima volta dopo la fase acuta dell’emergenza Covid-19 il prossimo 16 luglio.
Ci siamo spesi molto per la riapertura dei Bagni di Pisa – commenta il sindaco di San Giuliano Terme, Sergio Di Maio -. Sia durante che dopo la fase più acuta dell’emergenza sanitaria che, lo ricordo, è ancora in corso e verso la quale non dobbiamo abbassare la guardia. Sono entrato in contatto molto presto con i colleghi sindaci dei comuni termali della Toscana, con i quali nel corso dei mesi ho avuto diversi incontri in videoconferenza.Poi è arrivato maggio e con lui la fine del lockdown, almeno nella versione più dura, quando abbiamo deciso di inviare alla Regione una lettera in cui chiedevamo tempi certi per la ripartenza di un settore che aveva tutte le carte in regola per poterlo fare in totale sicurezza. Alla fine, abbiamo ottenuto quanto richiesto ed è stato possibile anche grazie al sostegno di Federterme e Ancot, l’Associazione Nazionale Comuni Termali. L’impegno, spesso silenzioso, paga.  Le terme, per il nostro Comune – conclude Di Maio -, sono un punto di riferimento non solo storico e simbolico (la kaffeehaus illuminata col tricolore ha rappresentato per noi un simbolo di resistenza e ripartenza durante la fase più acuta dell’emergenza), ma anche economico: la loro riapertura è una boccata d’ossigeno per il turismo, per l’occupazione e per le attività commerciali di San Giuliano Terme. Perciò, buon lavoro ai Bagni di Pisa“.
Soddisfatto anche il general manager dello stabilimento termale sangiulianese, Thomas Parenti.
La riapertura programmata per il 16 luglio è molto importante per Bagni di Pisa e per il territorio in cui abbiamo la fortuna di trovarci – commenta -. A tal proposito ringrazio le associazioni e le istituzioni che si sono impegnate per favorire la riapertura, a partire dal Comune di San Giuliano Terme. Lavorare in totale sicurezza non rappresenta per noi una sorpresa, dal momento che lo stabilimento termale è sempre stato un presidio sanitario con personale medico. Siamo motivati e pronti a ospitare nuovamente i flussi anche dall’estero, nella consapevolezza che ci sarà bisogno di tempo per tornare a pieno regime. Desidero sottolineare l’impatto di Bagni di Pisa sull’economia e l’occupazione anche e soprattutto locale: la riapertura è un importante segnale anche in questo senso”.