Il Covid ha causato un calo numerico in molte attività, compresi i matrimoni nel Comune di San Giuliano Terme. Dalle 80 cerimonie del 2019 siamo passati alle 57 del 2020.Ma, nonostante tutto, è un dato che conferma l’attrattività di San Giuliano Terme per i matrimoni, che siano nella sede comunale o nelle ville storiche.
“Parlerei di calo fisiologico – commenta il sindaco di San Giuliano Terme Sergio Di Maio -, conosciamo bene i danni che il Covid ha procurato anche in questo settore, oltre ad aver aumentato l’instabilità nella vita delle persone. Per cui 57 matrimoni non sono certo un cattivo numero, credo favorito sia dalla bellezza del nostro territorio che dalla riduzione delle tariffe disposta qualche anno fa. Scelta che ha incontrato il favore anche delle categorie di professionisti che lavorano attorno ai matrimoni e che spero possano tornare a svolgere il proprio mestiere il prima possibile”.

Un matrimonio di domenica in villa costa 450 euro per i non residenti, 350 per i residenti (è sufficiente che lo sia solo uno dei due sposi). Per quanto riguarda la sala Niccolini al civico 25, il costo più alto per un non residente è pari a 270 euro per la domenica (180 per i residenti).La novità introdotta nel 2019 è la possibilità di sposarsi nell’ufficio del sindaco anche il pomeriggio di martedì e giovedì dalle 15 alle 16.