Sono quasi mille, esattamente 996, le firme raccolte tra i residenti del Comune di San Giuliano Terme per sostenere la legge di iniziativa popolare contro la propaganda nazifascista proposta dal sindaco di Stazzema Maurizio Verona. Nel dettaglio: “Norme contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti”. (Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 260 del 20 ottobre 2020). L’iniziativa nel comune termale è stata portata avanti dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’Anpi.

Le firme sono state imbustate e spedite questa mattina dalla vicesindaca con delega alla memoria storica, Lucia Scatena, e dal presidente dell’Anpi di San Giuliano Terme, Stefano Pecori.
“Aver raccolto quasi mille firme è un risultato che ci riempie di orgoglio – commenta la vicesindaca -, i cittadini si sono dimostrati molto sensibili a una tematica che non smette di essere d’attualità. Ringrazio tutte le persone che hanno firmato sia in comune che nei circoli, ringrazio i volontari che si sono impegnati fino all’ultimo minuto disponibile e l’Anpi, in particolare il presidente Stefano Pecori”.

“Per noi è semplice lavorare con quest’amministrazione, da sempre molto sensibile a temi come il contrasto del nazifascismo – sottolinea Pecori -. Ringrazio in particolare la vicesindaca Lucia Scatena per tutto l’impegno che è stato messo in campo a livello di amministrazione comunale. Il nostro comune è vasto e non è stato semplice raccogliere le firme in ogni frazione. Un ringraziamento speciale va a tutti i volontari dell’Anpi che si sono impegnati per raggiungere questo importante risultato, che speriamo possa concretizzarsi anche in parlamento grazie all’impegno diretto, fra gli altri, della senatrice Liliana Segre”.