La commissione speciale, in seno alla Commissione Sanità, non basta, sarebbe invece servita una commissione d’inchiesta per far luce su ritardi, disorganizzazione e gravi criticità della campagna vaccinale toscana -dichiara il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Diego Petrucci, componente della Commissione Sanità- Sarebbe servita a capire, ad esempio, perché i medici di famiglia a novembre hanno dato la loro disponibilità a vaccinare ed il primo vaccino è stato da loro inoculato soltanto a febbraio. In quei tre mesi cosa è successo? Come mai, poi, le persone continuano ad avere problemi di accessi sul portale regionale per le prenotazioni vaccinali. Perché i numeri telefonici dedicati, a cui si rivolgono soprattutto gli anziani, sono sempre occupati. E non si sa ancora se le persone fragili avranno le somministrazioni domiciliari oppure no. Sono tanti i problemi su cui far luce”.
Fratelli d’Italia non ha mai chiesto che rotolassero teste, ha soltanto chiesto di fare chiarezza su quanto sta accadendo in questa disastrata campagna vaccinale. Gli annunci dell’assessore regionale Bezzini e del Governatore sono stati smentiti dai fatti”.