La costante pressione della Polizia di Stato nella zona della stazione di Pisa, con pattuglie interforze supportate dal Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato di Firenze, specializzato nel controllo del territorio, continua a dare i suoi frutti, facendo quotidianamente conseguire positivi risultati nel contrasto ai reati da strada. Il dispositivo, coordinato da un Commissario della Questura, si è dispiegato per l’ intero pomeriggio, con controlli mirati ai soggetti appiedati in viale Gramsci e via Corridoni, alternati a controlli ad esercii commerciali della zona ed a posti di controllo in viale Bonaini e piazza Vittorio Emanuele. Il consuntivo riporta, tra le decine di persone controllate, i seguenti interventi di rilievo:

  • Alle h 15:55 le pattuglie sono intervenute viale Gramsci, per la identificazione di un cittadino extracomunitario che creava disturbo. L’ uomo, un senegalese 41enne con a carico pregresse denunce per reati in materia di stupefacenti e contro la persona, ma in regola con la normativa sul soggiorno, è risultato avere a carico una notifica proveniente dalla Procura della Repubblica di Pisa, pertanto è stato accompagnato in ufficio per la rituale notifica e consegna degli atti. L’ uomo ha tenuto sin da subito un atteggiamento non collaborativo ed anzi ostile verso i poliziotti, rifiutando di ottemperare alla richiesta degli agenti benchè gli fosse stato spiegato che trattavasi di una semplice notifica. Con non poche difficoltà è stato portato in Questura, dove giocoforza è stato calmato e gli sono stati notificati gli atti di rito; inoltre, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e sanzionato perché contravventore alla normativa anti-Covid, risiedendo a Massa e non giustificando la sua permanenza a Pisa.
  • Sempre in zona Stazione, precisamente a ridosso della Sesta Porta, gli investigatori della Sezione Narcotici della Squadra Mobile, dopo un prolungato appostamento in zona per verificare la presenza di spacciatori, hanno sottoposto a controllo un tunisino 31enne, già noto, trovato in possesso, a seguito di perquisizione personale, di 6 gr di cocaina. E’ stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, ed inoltre denunciato anche perché contravventore al divieto di ritorno a Pisa, disposto come misura di prevenzione dal Questore di Pisa lo scorso 13 gennaio, proprio a causa dei suoi precedenti per spaccio.