La presentazione del match

I nerazzurri affrontano l’ultima trasferta della stagione senza grandi ambizioni. Il Pisa infatti è salvo matematicamente da martedì mentre un ingresso nei playoff appare molto complicato anche se la matematica ancora non preclude niente. Un successo oggi infatti, in condizioni però molto rimaneggiate, potrebbe rimandare tutto all’ultima giornata. Di contro c’è un Brescia che nell’ultimo periodo sta letteralmente volando e che si sta prendendo con merito un posto nei playoff. Le rondinelle infatti occupano il 7° posto a quota 50 punti con Chievo e Spal e queste ultime due partite saranno decisive per definire la griglia playoff.

Cronaca

Primo Tempo

Il primo tiro in porta della partita arriva al 5′ con Donnarumma che col mancino impegna Gori che è bravo comunque a bloccare il pallone. Ma è un Pisa che appare in palla quello sceso in campo al “Rigamonti” e che gira bene il pallone come quando al 9′ una gran palla filtrante di Sibilli imbecca perfettamente l’inserimento di Marin che con il piatto destro infila Joronen sul primo palo per lo 0-1 del Pisa! Nerazzurri subito in vantaggio.

Pisa che veramente esce bene dal pressing del Brescia ma in maniera anche casuale i padroni di casa la pareggiano al 18′: cross in mezzo su cui senza grande motivo la difesa nerazzurra, sopratutto Pisano, va in affanno lasciando libero di colpire Ayè che complice una lieve deviazione batte Gori con il sinistro sul palo lungo: 1-1 al “Rigamonti”. Peccato come le solite distrazioni difensive vadano a compromettere questi ottimi primi 20′ del Pisa.

Pericoloso il Pisa al 24′ su angolo con Benedetti che ci prova di testa ma la difesa lombarda si salva. Sempre da corner un minuto dopo molto pericoloso anche il Brescia con Bjarnason che da vicino la mette alta di testa tutto solo. Occasione nitida. Partita comunque divertente con un buon ritmo. Nerazzurri più in palla rispetto alle scorse trasferte.

Grossissima occasione per il Brescia al 32′: cross dalla sinistra di Martella che trova perfettamente in area Donnarumma che di testa chiama Gori alla grande parata sopratutto perchè il pallone aveva toccato prima anche il terreno. Rispondono i nerazzurri al 37′ con un’azione solitaria di Marsura che con il mancino ci prova ma Joronen para a terra.

Ancora Brescia vicinissimo al gol al 41′ con Bjarnason su angolo che dopo una sponda la mette fuori veramente di niente di testa. Che occasione. Un minuto dopo errore della difesa lombarda con Sibilli che va nell’uno contro uno con Cistana e calcia però largo. Occasione sprecata dai nerazzurri. Poco dopo Donnarumma cicca il pallone sprecando una grossa occasione costruita da Bisoli. Momento acceso di partita che però termina così senza recupero sull’1-1 in questa prima divertente frazione.

Secondo Tempo

La ripresa partirebbe con il gol del Brescia che però viene annullato per un fuorigioco che, va detto, non c’era assolutamente. Donnarumma segnerebbe ma l’assistente alza la bandierina prendendo oggettivamente un discreto abbaglio che salva subito i nerazzurri dallo svantaggio. Uno dei primi errori arbitrali gravi in favore del Pisa in questa stagione.

Ma la ripresa non è iniziata bene per il Pisa che al 51′ subisce il rigore contro, mano in area di Pisano che sembra esserci. Braccio largo. Dal dischetto Donnarumma non sbaglia e porta i suoi sul 2-1. Inizio di secondo tempo non positivo. I nerazzurri mettono fuori la testa solamente al 57′ con Marsura che prova un gran destro a giro, bravissimo Joronen a parare in angolo.

Poco dopo grande azione di Ndoj che allarga per Bjarnason che calcia centralmente e Gori para con attenzione. Al 63′ arriva però anche il rigore per il Pisa: trattenuta in area di Pajac su Sibilli. Dal dischetto però Mastinu calcia con il mancino ma Joronen capisce l’angolo e compie una grande parata che lascia invariato il risultato. Occasione cestinata.

Incredibilmente sul ribaltamento di fronte errore enorme della difesa nerazzurra che regala il pallone ad Ayè che entra in area e col mancino incrocia battendo Gori per il 3-1. Dopo due minuti però è incredibile quello che sta succedendo al Rigamonti: altro rigore per il Pisa per una mano larga di Ayè in area. Dal dischetto con un brivido De Vitis questa volta con un mini-cucchiaio segna il 3-2. Che partita incredibile.

Insomma metà di secondo tempo assolutamente senza logica e in cui è successo di tutto. Dopo il 3-2 la gara torna un po’ sui binari regolari uscendo da queste montagne russe. Positivo l’atteggiamento del Pisa alla ricerca del pareggio. Al 79′ punizione tagliata di Mastinu, ancora Joronen a spazzare con i pugni. Al minuto 82 però con Lisi fermo per infortunio, incomprensione enorme tra Meroni e Gori e la palla rimane lì per il più facile dei gol di Ayè che compie così la sua tripletta personale: 4-2. Nerazzurri horror in difesa come in gran parte di questa stagione.

Gol che indirizza il match adesso, peccato perchè le solite clamorose ingenuità difensive stanno compromettendo una gara positiva. Ma invece subito al minuto 85 arriva il 4-3! Pazzesco. Marsura serve Sibilli che entra in area e con un bel destro infila il pallone in rete. Finale aperto in cui il Brescia però inizia solamente a difendere.

Il Pisa al 91′ rischia di pareggiarla. Flipper in area sul quale per poco il Brescia se la butta in porta da solo e subito dopo Belli con il destro la spara altissima. Finiscono qui le speranze di pareggiarla per un Pisa punito oltre modo dalla solita difesa ballerina. Un’ottima prova nel complesso di un Pisa molto generoso tra mille assenze e le poche motivazioni di classifica vanificata dai gol veramente regalati. Il Brescia continua l’avvicinamento ai playoff salendo a 53 punti, il Pisa rimane fermo a 45 senza più alcuna ambizione, ora è ufficiale, in questo campionato.

Tabellino

Brescia (4-3-1-2): Joronen, Mateju, Cistana, Mangraviti, Martella (60′ Pajac); Bisoli (46′ Labojko), Van de Looi (46′ Ndoj), Jagiello; Bjarnason (66′ Ragusa); Donnarumma (83′ Spalek), Ayè. All. Clotet

Pisa (4-3-1-2): Gori, Birindelli, Meroni, Benedetti, Pisano (66′ Lisi (83′ Belli)); Marin, Quaini, De Vitis; Mastinu (87′ Bamba); Marsura, Sibilli. All. D’Angelo

Reti: 9′ Marin (P), 18′ Ayè (B), 52′ Donnarumma rig. (B), 65′ Ayè (B), 68′ De Vitis rig. (P), 82′ Ayè (B), 85′ Sibilli (P)

Ammoniti: 21′ Jagiello (B), 28′ Martella (B), 63′ Pajac (B), 80′ Mateju (B)

Note: arbitro Manganiello di Pinerolo | Angoli 6-5| Recupero 0′-3’| Al 63′ Mastinu (P) ha sbagliato un rigore